Contenuto sponsorizzato

E' il succo di mela il nuovo champagne? A Bolzano sì. Kohl presenta i nuovi nati, frutto di due antichissime varietà

Ananasrenette e Wintercalville: questi i nomi dei nuovi succhi di mela monovarietali Kohl, azienda altoatesina che coltiva le sue mele a 1.000 metri di altitudine e crea succhi senza zuccheri né conservanti proprio come una volta

Thomas Kohl (al centro) con i 'padrini' dei nuovi succhi di mela: il gastronomo austriaco Döllerer (a sinistra) e il procuratore capo di Bolzano Bramante (a destra) (Foto Facebook Kohl).
Di Cinzia Patruno - 26 novembre 2017 - 20:16

BOLZANO. "Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi", diceva Antoine de Saint-Exupéry nel Piccolo Principe, ed è proprio al cuore che arrivano questi succhi di mela di montagna, prodotti e imbottigliati da Thomas Kohl sul Renon, sopra Bolzano. Essenziali? Forse un po', per vivere bene. Una maniacale attenzione al dettaglio, una naturalità che, oggigiorno, stiamo perdendo. E, al tempo stesso, un amore per la lavorazione e un'enorme esperienza sulle varietà, dalle più conosciute a quelle più antiche e quasi dimenticate. Questo e molto altro è l'azienda, un esempio da seguire, che le coltiva e le spreme, per trasformarle in un nettare difficile da dimenticare.

 

In occasione della presentazione delle sue ultime creazioni, quest'azienda a conduzione famigliare che produce e imbottiglia i suoi succhi a 1.000 metri di altitudine, ha parlato un po' di sé dando poco spazio ai convenevoli e mettendoci invece tanto cuore e tanta essenza. Gli ultimi nati in casa Kohl sono due succhi di mela monovarietali, che nascono cioè da un'unica varietà. E qui entra in gioco la grande abilità di Thomas Kohl e la sua sensibilità verso questo sconosciuto ma sconfinato mondo della mela: nel 2012 ha deciso di scommettere su due varietà che in Alto Adige erano diffuse in passato ma ormai estinte per un motivo ben preciso: erano brutte. Piccole o deformi, diverse da quelle a cui siamo abituati, irregolari. Non comparabili alle mele grandi, lucenti e perfette e che vediamo al supermercato. Eppure, strabilianti al gusto.

 

"La regina degli ananas è una mela": così ha esordito Ulrike, marketing manager dell'azienda altoatesina, che ha presentato la varietà Ananasrenette, una mela dall'odore incredibilmente simile al frutto tropicale. Il suo succo, servito in calici a stelo lungo per permettere di sprigionare al meglio l'aroma, sa indubbiamente di ananas, al naso e al palato. "Qualcuno, un tempo, deve aver portato le mele a casa con sé e messe al calduccio, per poi chiamarle Ananasrenette".

 

La Wintercalville, invece, è stata la seconda varietà presentata, da cui è nato il secondo succo della linea Grand Cru. Una mela talmente nobile che dall'Alto Adige era stata inviata alla regale Corte degli Zar di San Pietroburgo, tanto era particolare il suo sapore. Scomparsa poi a causa della forma irregolare e delle piccole macchie che ne ricoprono la buccia.

 

Le nuove varietà della linea Grand Cru sono disponibili nel formato magnum (Foto Facebook Kohl).
Le nuove varietà della linea Grand Cru sono disponibili nel formato magnum (Foto Facebook Kohl).

 

Un modo tutto diverso di gustare questi succhi di mela di montagna, una cerimonia che sembra una degustazione di vini. Calice alla mano, ci si lascia pervadere dal profumo e poi dall'assaggio, quando il succo sprigiona i suoi aromi armoniosi ed equilibrati. Non è difficile immaginare degli abbinamenti gastronomici che non siano un dessert: si pensa al pesce, alla carne e ai formaggi. Un piacere puro, senza zuccheri né conservanti, certificato vegan perché totalmente naturale, una spremuta di mele nel bicchiere. E che mele.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 09:25

Andrea Villotti oltre ad essere il numero uno della società che si occupa di gestire il patrimonio immobiliare degli enti pubblici del Trentino (che, però, non pubblica il suo curriculum vitae nonostante i termini siano scaduti per l'Anticorruzione) è direttore emerito del Milton Friedman Institute e all'indomani del dpcm di Conte il suo direttore esecutivo ha comunicato che: ''Il nostro Istituto inizierà una incessante campagna per la disobbedienza fiscale al fianco di tutti quegli imprenditori colpiti da queste assurde misure che minano la convivenza civile''

26 ottobre - 18:38

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato