Contenuto sponsorizzato

Giro d'Italia in Israele? L'associazione "Pace per Gerusalemme-il Trentino e la Palestina" dice ''no'': "Implicita approvazione delle politiche di occupazione"

Nel maggio del 2018 la Corsa Rosa partirà da Gerusalemme ma l'onlus trentina, assieme ad altri 160 soggetti europei tra cui Noam Chomski e Moni Ovadia, Sergio Cofferati e Curzio Maltese, Fiom-Cgil, Usb, Pax Christi e Rete Ebrei si oppongono fermamente

Di L.P. - 26 novembre 2017 - 17:29

TRENTO. C'è anche l'associazione "Pace per Gerusalemme - il Trentino e la Palestina" tra i circa 160 soggetti che in questi giorni da tutta Italia stanno dicendo "no" alla partenza del Giro d'Italia da Gerusalemme. Perché? "Rischia di essere una iniziativa che pecca di retorica e di falsa coscienza - spiegano dall'associazione trentina da 17 anni si occupa di Palestina e Israele - vista la grande responsabilità dell'Europa sia nel dramma della Shoah, sia nella rimozione dell'ingiustizia patita dai palestinesi, i quali hanno pagato con l'esilio a partire dal 1948 e pagano tuttora con l’occupazione delle terre da loro sempre abitate, che li priva di uno stato autonomo".

 

Il tema è ormai sulla bocca di tutti, appassionati e non: il Giro d'Italia 2018, per la prima volta nella storia di una grande corsa a tappe, partirà fuori dai confini del Vecchio Continente (mentre è la 13esima volta che fa tappa all'estero). Il via sarà dato proprio a Gerusalemme con una cronometro individuale e poi ci saranno altre due tappe in terra israeliana. Tra le ragioni ci sono i 70 anni dalla nascita dello Stato d'Israele e, più in piccolo, i 5 dell'inserimento della figura di Gino Bartali tra i "Giusti" del muro d'onore di Gerusalemme: il nome del grande ciclista italiano, infatti, dal 2013 è impresso nel muro del Giardino dei Giusti nel Mausoleo della Memoria Yad Vashem

 

E la bici, se vogliamo, è proprio un simbolo di libertà, di fatica e di impegno. Forse anche per questo (oltre gli importantissimi motivi economici, inutile negarlo) si è scelto di portare il Giro in Israele, con un intento distensivo e inclusivo. La cosa, però, non è piaciuta a molti e tra questi c'è anche l'associazione trentina "Pace per Gerusalemme": "In occasione della Giornata Internazionale di solidarietà con il popolo palestinese (29 novembre) proponiamo una riflessione a proposito della 'Grande partenza' del Giro d'Italia da Israele, programmata per maggio 2018. L’intenzione - scrivono dall'associazione - degli organizzatori è soprattutto quella di celebrare i 70 anni dalla nascita dello Stato di Israele. Senza nulla togliere alla rilevanza storica di quella data, va detto che essa ha comportato conseguenze drammatiche e conflittualità mai risolte e, anzi, più che mai attuali, anche se taciute e rimosse dalla coscienza collettiva dell'Occidente".

 

"Appare - proseguono - a questo proposito, tanto più scorretta la rappresentazione di Gerusalemme Est come capitale unificata di Israele (vedi sito ufficiale del Giro), cosa che né l’Onu, né i principali paesi occidentali, né alcuna legge internazionale ha mai riconosciuto. Riteniamo quindi che l'iniziativa non solo manchi dei presupposti per richiamare un'utile attenzione verso il Vicino Oriente e i suoi conflitti, ma possa anzi essere un'implicita approvazione delle politiche di occupazione di Israele e del loro disconoscimento dei diritti palestinesi, nonostante le numerose condanne a livello internazionale e il riconoscimento formale dello Stato Palestinese da parte di moltissimi Paesi e anche di recente da papa Francesco. E riteniamo possa infine, nel concreto, contribuire invece ad un inasprimento di interventi repressivi preventivi in nome della ‘sicurezza’".

 

Per questo l'Associazione Pace per Gerusalemme onlus ha aderito alla Campagna Internazionale #CambiaGiro insieme ad altri 160 soggetti, tra cui europarlamentari (come Eleonora Forenza, Sergio Cofferati e Curzio Maltese), organizzazioni sindacali e cattoliche (come Fiom-Cgil, Usb, Pax Christi e Rete Ebrei contro l’occupazione), intellettuali ebrei come Noam Chomski e Moni Ovadia, nella convinzione che siano piuttosto necessarie riflessioni pacate sulle ragioni dei due popoli, proposte che aiutino la negoziazione di una soluzione politica pacifica, pressioni affinché i decisori politici non possano chiamarsi fuori dalla necessaria assunzione di responsabilità. Queste le loro intenzioni. Nei fatti si vedrà. C'è tanto da pedalare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 16:25

I medici sono preoccupati perché la situazione di sfuggire di mano. Ioppi: "Si è ritornati a contrapporre la salute all'economia, ma questi aspetti dovrebbero andare di pari passo. Non si devono ripetere gli errori di marzo e aprile: non si deve rincorrere la malattia ma anticipare i tempi. Le istituzioni ci sostengano, gli operatori sono sfiniti e ci sono anche gli altri pazienti da seguire"

27 ottobre - 16:22

E' successo in mattinata e la donna si trova ora ricoverata al Santa Chiara. Ha riportato diverse ustioni 

27 ottobre - 15:55

L’accesso al drive through è possibile solo su appuntamento: la centrale Covid gestisce le agende e fornisce ai singoli indicazioni sulle sedi, gli orari e le modalità di effettuazione del tampone

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato