Contenuto sponsorizzato

I turisti portano un cerbiattino appena nato. I rifugisti: "Non vanno toccati, ora è condannato a una vita in cattività''

Il Rifugio Bocca di Selva ha postato l'immagine su Facebook spiegando che le due persone erano in buona fede e pensavano che il cucciolo fosse abbandonato. Ma gli animali selvatici non vanno toccati. Nel dubbio meglio chiamare subito l'azienda forestale

Il cerbiattino portato al Rifugio
Pubblicato il - 23 May 2018 - 12:42

TRENTO. "Lasciate i piccoli dove sono, non portateli via". Così i gestori del Rifugio Bocca di Selva, su Facebook, per ricordare una delle regole fondamentali della montagna. Pochi giorni fa si sono visti arrivare al loro rifugio, che si trova nel parco regionale della Lissinia, due turisti con in braccio un piccolo cerbiatto appena nato. "I due turisti in buonissima fede pensavano di salvarlo da morte certa - spiegano - convinti dell'assenza della madre ed essendo lì accanto presente il fratellino morto. Ma non ci stancheremo mai abbastanza di raccomandare di non toccare i piccoli di nessuna specie selvatica. Purtroppo anche se venisse riportato nel luogo dove è stato prelevato, la madre non lo riconoscerebbe più e verrebbe abbandonato ad un misero destino".

 

Il messaggio, infatti, è fondamentale e ricorda una delle regole chiave di chi si muove in natura, soprattutto in questa parte della stagione: le cucciolate vanno lasciate stare, sempre e comunque. Si moltiplicano, infatti, sui social le foto di piccoli cerbiatti, mufloni, uccellini che tante volte vengono presi in carico da esploratori e turisti perché "trovati abbandonati", "lasciati soli nel bosco'', "stavano per morire''. Ebbene non c'è niente di più sbagliato, come spiegano i gestori del rifugio Bocca di Selva, perché la madre potrebbe essersi semplicemente allontanata o a pochi metri di distanza spaventata dalla nostra presenza. Quel che è certo è che una volta intervenuto l'essere umano quella mamma non riconoscerà più il piccolo che sarà condannato, nella migliore delle ipotesi, a una vita in cattività.

 

"I tue turisti - conclude il rifugio - si sono prodigati e hanno contatto la forestale. Speriamo quindi in un lieto fine, anche se in cattività, per questo splendido cerbiattino appena nato". Cosa avrebbero dovuto fare? A farla bene avrebbero dovuto subito contattare l'azienda forestale, senza toccare il piccolino, chiedere consiglio ed eventualmente segnalare loro il luogo dove si trovava il cerbiatto, per loro abbandonato. Bene, benissimo, invece, ha fatto il Rifugio a segnalare l'accaduto. Un prezioso consiglio da dare a tutti gli amici ''dolomitici'' e a chiunque si rapporti, in un modo o nell'altro, con la natura.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 February - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

25 February - 07:55

Ieri sono stati in tantissimi a ritrovarsi in piazza a Vigo Meano per ricordare l'ennesima vittima di femminicidio e dire basta alla violenza. Prosegue, intanto, la raccolta fondi per aiutare i quattro figli di Deborah Saltori 

24 February - 20:09

L'attività viene portata avanti da Elisabeth, Lucia e Antonietta e si trova in Vicolo Santa Maria Maddalena. Nato nel 1997, il salone 'La Femme' si è sempre più fatto conoscere per la professionalità offerta e per l'attenzione non solo nella qualità dei prodotti ma anche nel rispetto per l'ambiente 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato