Contenuto sponsorizzato

La storia di Francesco, a soli 11 anni gira l'Italia, scrive libri ed è Alfiere della Repubblica

"L'aspirante ornitologo", come piace lui definirsi, sarà ospite al Muse in una conferenza martedì 20 novembre in occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. 

Foto tratta da aspiranteornitologo.it
Pubblicato il - 17 novembre 2018 - 19:43

TRENTO. Lui si definisce “aspirante ornitologo” e fino ad oggi ha girato mezza Italia per tenere conferenze. Dall'età di 7 anni è impegnato a realizzare documentari su parchi e oasi e addirittura a soli 10 anni è stato nominato Alfiere della Repubblica per meriti scientifici e divulgativi dal Capo dello Stato Sergio Mattarella.

Di chi stiamo parlando? Di Francesco Barberini che oggi di anni ne ha 11 e il giovane sarà ospite al Muse in una conferenza martedì 20 novembre in occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

 

Lo possiamo definire un vero e proprio bambino prodigio che gira per parlare dell'evoluzione degli uccelli dai dinosauri e sugli antichi rettili volanti, gli pterosauri e sarà proprio questo l'argomento di cui parlerà martedì prossimo alle 16.30.

 

Come racconta nella sua biografica  sul sito aspiranteornitologo.it, Francesco collabora con il WWF e con la Lipu ma anche con Focus Junior, con il gruppo Ars et Natura e ancora è testimonial della Swarovsky Optik e ospite in diverse trasmissioni televisive Rai.

“Ho anche realizzato dei video di viaggi all’estero per il birdwatching”, spiega il giovane aspirante ornitologo non prima di precisare di aver già ricevuto per il proprio lavoro diversi apprezzamenti dalle ambasciate del Canada e del Portogallo.

 

Il suo motto è: “Stare in mezzo alla natura… ad aspettare il passaggio ravvicinato degli uccelli, fa nascere nel cuore una sensazione speciale che vi invito a provare”.

 

Tutto questo, però, per Francesco Baberini non è abbastanza. La sua passione è riuscito addirittura tradurla anche nei libri. A soli 11 anni ha già due pubblicazioni e una terza è in uscita. A 9 anni ha scritto il suo primo libro, proprio sugli uccelli e la loro evoluzione, dal titolo “Il mio primo grande libro sugli uccelli”. Poi la passione per l'evoluzione degli uccelli dai dinosauri, la scoperta dei pterosauri, gli antichi e straordinari rettili volanti, lo ha portato alla realizzazione del suo secondo libro dal titolo “Il mio primo grande libro sugli pterosauri”. I libri sono patrocinati dal WWF e hanno inoltre contributi importanti di personaggi del panorama scientifico-ambientale italiano come Fulco Pratesi, Donatella Bianchi, Emanuele Biggi, Gianfranco Bologna, Simone Maganuco oltre a professionisti nel settore ambientale, della fotografia naturalistica, della grafica e della comunicazione, come Sara Riello, Pietro Iannetta, Germana Della Rocca e Filippo Belisario.

Il giovane aspirante ornitologo arriverà ora a Trento, martedì pomeriggio alle 16.30, nell’aula Fossey del Muse. Sarà un momento davvero speciale perchè in occasione della Giornata Internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, il museo delle scienze di Trento si trasforma in uno vero e proprio spazio aperto alla curiosità giocosa e spontanea di bambini e bambine e all’espressione creativa dei teenager nonché in vetrina delle agenzie educative del Territorio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

13 luglio - 08:07

Molto conosciuta e di rara sensibilità, Ierma è riuscita a spiegare la sua malattia ai bambini attraverso un libro "La Pazienza dei sassi". Tanti i messaggi di ricordo e di condoglianze: "Una persona speciale''

12 luglio - 16:32

In Italia la figura dell'autista soccorritore non è riconosciuta per legge come una categoria specifica. Per questo l'Aasi, Associazione autisti soccorritori italiani, ha scritto alle istituzioni chiedendo che al più presto si riconosca giuridicamente e professionalmente chi quotidianamente guida i mezzi di soccorso contribuendo a salvare vite

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato