Contenuto sponsorizzato

Quasi 1.500 firme per andare a scuola ''in bici sicuri'' e per far partire la ciclabile Povo - Villazzano - Pascoli

La petizione ha visto un grande consenso popolare in collina ed oggi è stata consegnata al presidente del consiglio provinciale Dorigatti

Di Mustafa Muca, Matilde Perciballi, Nicolò Tamanini - Liceo Rosmini Trento - 08 maggio 2018 - 20:19

TRENTO. Se ne parla da anni in collina e nel 2014 sembrava cosa fatta e invece a 4 anni di distanza sono servite 1.500 firme di residenti della collina a rilanciare la ciclabile Povo-Villazzano. Oggi è avvenuta la consegna della petizione popolare “a scuola in bici sicuri” al presidente del consiglio provinciale Bruno Dorigatti. Il tutto nella cornice di Palazzo Trentini. Presenti all'incontro c'erano i ragazzi delle scuole di Villazzano e Povo, e i loro genitori con i due referenti dell'iniziativa, Andrea Tarter e Lorenzo Bozzon.

 


 

"Lo scopo – spiega Andrea Tarter – è la costruzione di un percorso ciclopedonale che metta in comunicazione i sobborghi di Villazzano e Povo con la scuola media G. Pascoli. L'area di cui si sta discutendo è stata suddivisa in 6 lotti. Chiediamo di realizzare almeno 3 lotti su 6". L'idea non è nuova, infatti già nel 2014 era stato approvato un piano per la realizzazione di una ciclopedonale ma in seguito nulla è più stato fatto. Ed è da anni che si parla di un percorso di quasi tre chilometri che costeggia la strada provinciale dalla rotatoria di Villazzano all’altezza della stazione ferroviaria della Valsugana e che sale fino a Villazzano in via Valnigra fino ai campi da calcio di Gabbiolo attraverso via della Cros e via Znojmo per collegarsi alla scuola.

 

Ma dal 2014 ad oggi qualcosa è cambiato nell'animo dell'amministrazione comunale e Povo e Villazzano sono stati messi in stand-by (dopo, va detto, molti interventi e alcuni anche di notevole impatto come il teatro di Villazzano e la nuova viabilità di Povo e la stazione di Mesiano). La petizione è quindi nata da un nutrito gruppo di genitori che nel giro di pochi mesi hanno raccolto 1478 firme suscitando una forte reazione popolare e sperando così di smuovere la classe politica trentina.

 

L'iniziativa è volta a sensibilizzare la popolazione affinché venga messo in sicurezza il tratto stradale tra i due sobborghi che permetterebbe non solo agli studenti ma anche a chi volesse fare due passi di muoversi senza pericolo. "La ciclopedonale permetterebbe il trasferimento dei ragazzi – continua il referente – nei centri sportivi adiacenti, ma anche a scuola in totale autonomia, evitando una confusione stradale all'uscita da scuola".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Ambiente
02 agosto - 13:55
Negli ultimi 5 anni sono finiti nel lago di Garda 16.745 metri cubi di liquami provenienti dal depuratore di Linfano, ma le acque nere invadono [...]
Cronaca
02 agosto - 12:35
La provincia di Trento intende acquistare circa un centinaio di questi strumenti, il fabbisogno è stato calcolato sulla base dei [...]
Cronaca
02 agosto - 12:41
Riapre da mercoledì al Palafiere di Riva del Garda il punto per l'effettuazione dei tamponi sia per i residenti che per i turisti
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato