Contenuto sponsorizzato

Villa Sant'Ignazio, la nuova presidente è Giuseppina Gottardi

Succede a Riccardo Baldi che ha guidato la cooperativa di solidarietà sociale dal 2012 al 2018. Gottardi è psicologa psicoterapeuta e formatrice da più di trent’anni. Fu una delle fondatrici, insieme a p. Livio Passalacqua SJ, del Laboratorio di Educazione al Dialogo (L.E.D.)

Pubblicato il - 21 maggio 2018 - 16:35

TRENTO. E' Giuseppina Gottardi la nuova presidente di Villa Sant'Ignazio. Dopo il passaggio delle consegne con Riccardo Baldi, sarà lei a capo della cooperativa di solidarietà sociale. Sabato 19 maggio si è infatti tenuta l’Assemblea ordinaria che ha segnato il termine del mandato del Consiglio di Amministrazione.

 

Baldi è stato presidente degli ultimi due consigli (2012 - 2018). Ha messo in campo competenze e capacità, ma soprattutto disponibilità e desiderio di dedicarsi, in una fase storica in cui avere questo ruolo in una cooperativa come Villa Sant’Ignazio, dato il contesto sempre più complesso, significa anche prendersi delle responsabilità importanti.

 

Sotto la sua presidenza l’attenzione all’equilibrio di bilancio non è mai mancata, con una politica attenta e rigorosa che permette di programmare le azioni a lungo termine e garantire la continuità dell’azione rivolta ai destinatari. Come non è mai mancata la relazione attiva e fattiva con la Fondazione S. Ignazio, Opera della Compagnia di Gesù della quale la cooperativa è uno dei principali enti aderenti.

 

In un clima molto partecipato, che ha espresso a Baldi gratitudine per il lavoro svolto, oltre all'approvazione del bilancio di esercizio 2017, e di quello previsionale per il 2018, vi è stato il rinnovamento del Consiglio di Amministrazione che si occuperà del governo fino al 2021. Il testimone passa ora a Giuseppina Gottardi, psicologa psicoterapeuta nell’Approccio Centrato sulla Persona e pedagogista.

 

Formatrice da più di trent’anni di operatori sociali e direttrice dei corsi dell’Istituto dell’Approccio centrato sulla Persona (IACP) nella sede di Trento presso Villa S.Ignazio dal 2004, Gottardi fu una delle fondatrici, insieme a p. Livio Passalacqua SJ, del Laboratorio di Educazione al Dialogo (L.E.D.), che ha guidato come presidente negli ultimi anni.

 

Un impegno questo, insieme a quello di volontaria nel Servizio Formazione della Cooperativa dal 2012, che, oltre ad evidenziare importanti competenze e dedizione di Gottardi, è anche garanzia di una conoscenza approfondita del mondo di Villa Sant’Ignazio; un mondo che ha vissuto recentemente un periodo di ripensamento della struttura organizzativa, attuando un processo di cambiamento della cooperativa a favore dei destinatari.

 

Oltre che da Giuseppina Gottardi, il Consiglio di Amministrazione sarà composto, in ordine alfabetico, da Andreas Fernandez, Luisa Lorusso, Daniela Pederzolli, Elena Pivotto, Loredana Plotegher e Mario Stolf. L’augurio principale è quello di continuare a promuovere al meglio la crescita individuale, l’integrazione sociale tra gli individui e la realizzazione dei bisogni umani, con particolare attenzione ai soggetti socialmente svantaggiati.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 05:01

Danno un esito in pochi minuti e costano molto meno dei tamponi (che però sono certamente più precisi e affidabili) ma permettono, sui grandi numeri, di andare comunque ad individuare i focolai e dalla Liguria, al Veneto e all'Alto Adige sono tanti i sistemi sanitari che si stanno spostando su questa strategia di indagine soprattutto con il riavvio delle scuole e l'autunno (e i malanni di stagione) che incombe 

18 settembre - 20:09

Rispetto a questa mattina la Pat ha corretto il dato dei nuovi positivi di oggi (non 19 ma 18) e sono stati aggiornati i dati per comune (ieri fermi forse per lo sciopero di Trentino Digitale). Ecco i dati aggiornati

18 settembre - 19:43

Oltre alla elevazione della sanzione amministrativa da 400 a 1.000 euro, è stata disposta la chiusura del locale dal 18 al 22 settembre compreso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato