Contenuto sponsorizzato

A.A.A. Bottegaio cercasi. Un nuovo gestore per il negozio di Prada di Brentonico, "punto di aggregazione e presidio per la comunità"

Un affitto simbolico di 300 euro all'anno e tantissimi servizi per residenti e turisti: non solo alimentari, da centro di raccolta e invio della corrispondenza a servizi di pagamento, dal Wi-Fi alle ricariche telefoniche. L'ex gestrice Carolina Modena: "La parte difficile è data dalla grande stagionalità: in estate è indispensabile essere in due, in inverno si lavora meno. Per questo serve una pianificazione molto attenta"

Pubblicato il - 25 October 2019 - 12:12

BRENTONICO. Il Comune di Brentonico cerca un nuovo gestore per il negozio di generi alimentari e misti della frazione Prada, che serve anche Saccone e Polsa. Si tratta di una bottega di vendita al dettaglio, che può svolgere attività multiservizi e può ampliarsi anche ai Sieg (servizi di interesse economico generale) il che, tradotto, significa che può beneficiare di un ulteriore contributo pubblico a sostegno dei presidi commerciali delle zone altrimenti non servite.

 

L’immobile è stato acquistato dal Comune alla fine degli anni Novanta ed è stato via via concesso a vari gestori. L’ultima persona a prendere in carico la bottega è stata Carolina Modena che però, lo scorso giugno, ha comunicato di voler concludere la propria esperienza. Così la giunta comunale, su proposta dell’assessore al commercio e alle frazioni Ivano Tonolli, ha deliberato di raccogliere le manifestazioni di interesse dei futuri potenziali gestori.

 

Spiega l’assessore: "Ci sarà un affitto simbolico di 300 euro l’anno - gli stessi pagati da Carolina Modena. Colgo l’occasione per ringraziare Carolina che ha svolto ottimamente il suo servizio. Per i potenziali interessati, posso dire che il bacino comprende i circa 170 abitanti di Prada, altrettanti di Saccone e una cinquantina della Polsa. Ovviamente, in estate, si ragiona su tutt’altri numeri. È chiaro a tutti, ovviamente, che questo negozio rappresenta un presidio indispensabile per i residenti e che, altrettanto, è un punto di aggregazione irrinunciabile".

 

Sulla redditività della gestione parla proprio Carolina Modena: "Contando il servizio a domicilio, la presenza dei residenti e l’afflusso nei periodi delle vacanze, è da dire che l’attività sta in piedi bene. La parte difficile è data dalla grande stagionalità: in estate è indispensabile essere in due, in inverno si lavora meno. Per questo serve una pianificazione molto attenta".

 

Tra i possibili servizi erogabili oltre all’alimentare ci sono: quelli in convenzione con gli enti pubblici; assistenza per la prenotazione telefonica o on-line di visite mediche specialistiche; stampa di referti medici e assistenza all’accesso alla cartella clinica del cittadino “Tre C”; punto di recapito per farmaci inviati in busta chiusa nominativa da farmacie operative nei centri limitrofi; centro di raccolta e invio della corrispondenza; servizi di pagamento (bollo auto, bollettini, etc.); vendita di referenze di prodotti biologici e/o per celiaci; consegna della spesa a domicilio; servizio bancomat; vendita di carni fresche e/o congelate, conservate, preparate, confezionate; ricariche telefoniche; rivendita di giornali quotidiani e riviste; navigazione internet e accesso alla posta elettronica, telefax e fotocopie; servizio Wi-Fi; vendita di prodotti trentini e del commercio equo e solidale.

 

La concessione non ha, per il Comune, il presupposto della reddittività, quanto piuttosto quello del servizio alla comunità. Le piccole botteghe di paese sono, soprattutto, presidi di storia, tradizione e cultura. Tutelarli, e promuoverli, significa tutelare, e promuovere, le comunità che ne beneficiano. E quindi, in ultima analisi, quello che siamo. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 giugno - 10:01
"Sono l'ultimo che dovrebbe fare la morale a chi vuole divertirsi, ma quello che state lasciando in piazza d'Arogno è uno schifo". Così il [...]
Ambiente
21 giugno - 09:32
Romano Nesler, presidente della Federazione associazioni apicoltori del Trentino: "La lotta alla Flavescenza dorata sulle vite ha tristi precedenti [...]
Cronaca
21 giugno - 09:41
E' successo nella zona dell'Idroland Baitoni, sul posto i vigili del fuoco, i soccorsi sanitari e la polizia locale Valle del Chiese. L'uomo, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato