Contenuto sponsorizzato

Alternanza scuola lavoro promossa dalla Giunta. Bisesti difende il modello e non lo smonta come avvenuto in Italia

La normativa nazionale nel 2018 ha introdotto alcune modifiche: l’alternanza viene ora definita nel resto d’Italia come “percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” e il monte ore è stato ridotto da 400 ore a 150 per i tecnici, 210 per i professionali e 90 per i licei. La Giunta, invece, per l’attuale anno scolastico e per gli anni a venire ha confermato l’impianto organizzativo già in essere

Pubblicato il - 18 ottobre 2019 - 19:42

TRENTO. Alternanza scuola lavoro promossa in Trentino e allora, nonostante a livello nazionale sia stata ridotta e cambiata di nome, nella nostra provincia le cose non cambiano e si procede con il progetto. Lo ha deciso la giunta su proposta dell'assessore all'istruzione Mirko Bisesti, con un provvedimento approvato oggi. 

 

Si tratta di disposizioni attuative dell’articolo 65 della legge provinciale sulla scuola, modificato dalla recente legge di assestamento di bilancio per garantire un monte orario dei percorsi di alternanza anche in misura superiore rispetto al livello minimo previsto dalla legislazione statale.

 

La normativa nazionale, infatti, nel 2018 ha introdotto alcune modifiche: l’alternanza viene ora definita nel resto d’Italia come “percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” e il monte ore è stato ridotto da 400 ore a 150 per i tecnici, 210 per i professionali e 90 per i licei. Inoltre, è stato disposto che dall’anno scolastico 2019/2020 l’assolvimento di questi percorsi sia requisito di accesso obbligatorio all’esame di Stato.

La Giunta, ritenendo che nella realtà provinciale si sia sviluppato un assetto organizzativo che ha corrisposto alle aspettative di tutti i soggetti coinvolti nel sistema (studenti, scuole, imprese, associazioni ed enti), per l’attuale anno scolastico e per gli anni a venire ha confermato l’impianto organizzativo già in essere: il monte ore di alternanza scuola-lavoro, che mantiene la stessa denominazione, in Trentino rimane di almeno 400 ore nell’ultimo triennio degli istituti tecnici e professionali e di almeno 200 ore nell’ultimo triennio dei licei.

 

L'assessore Bisesti e la sovrintendente scolastica Viviana Sbardella nel corso del corrente anno si coordineranno per analizzare punti di forza e criticità dei percorsi, apportando eventuali modifiche che si rendessero necessarie già nella prossima primavera.
 

''Si tratta - spiegano dalla Provincia - anche di un riconoscimento dell’impegno profuso dalle istituzioni scolastiche, che fin dall’introduzione della nuova normativa sull’alternanza hanno inteso garantire esperienze di qualità agli studenti, sottoscrivendo convenzioni con le aziende, partecipando a bandi, costruendo progettualità innovative e di alto profilo, implementando il rapporto tra scuola e territorio con azioni sempre più interessanti. Rappresentanti delle associazioni di categoria, del mondo della ricerca, degli ordini professionali e dei sindacati hanno in più occasioni sottolineato come l’alternanza scuola-lavoro in Trentino stia operando per conseguire gli obiettivi previsti, per cui è necessario proseguire le esperienze svolte secondo i criteri vigenti e cercando di migliorare ancora e innalzare la qualità delle proposte''.

 

Anche ai fini dell’ammissione all’esame di Stato viene confermato lo stesso monte ore; per il solo anno scolastico in corso, considerata l’innovazione ordinamentale e in via transitoria, le singole scuole possono ammettere i candidati tenendo conto in via tendenziale dei limiti indicati.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
14 giugno - 18:53
Con l'arrivo dell'estate il misto di ghiaia, sassi e asfalto trasforma la spianata di San Vincenzo in un luogo caldissimo e afoso. Quasi [...]
Cronaca
14 giugno - 18:51
Fra poche ore apriranno le prenotazioni per la fascia d’età dai 18 ai 39 anni, fino al 10 luglio ci sono a disposizione 25mila dosi per una [...]
Società
14 giugno - 17:42
Michele sogna di diventare un ricercatore bio-informatico ma fin dalla nascita soffre di Tetra Paresi Distonica e per lavorare e avere una vita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato