Contenuto sponsorizzato

Assistenza legale gratuita ai "senza dimora", Fondazione Caritro "Oltre 130 colloqui all'anno per tutelare i diritti dei più deboli''

Presentata in conferenza stampa l'evoluzione del progetto "Avvocati per la solidarietà", attivo dal 2006, che vede il coinvolgimento di 23 realtà territoriali. Cinquanta avvocati e settanta studenti di Giurisprudenza che hanno offerto, e offrono, tempo e competenza

Di Arianna Viesi - 15 ottobre 2019 - 21:02

TRENTO. "Siamo da tempo impegnati nella promozione di iniziative finalizzate alla tutela e alla salvaguardia dei diritti dei più deboli". Così Mauro Bondi, presidente di Fondazione Cartiro, accompagnato dagli avvocati Michele Russolo (presidente Ordine degli Avvocati di Trento), Monica Aste (presidente Ordine degli Avvocati di Rovereto), Diego Berti, il professore Federico Puppo (Dipartimento Facoltà di Giurisprudenza, Università di Trento) e i rappresentanti della cooperativa sociale Punto d'Incontro e Caritas Diocesana di Trento, rispettivamente Marta Tomasi e Lucia Busatta per lanciare un'importante evoluzione dell'accordo "Progetto avvocati per la solidarietà".

 

"Fondazione Caritro - prosegue il presidente - è stata promotrice fin dal 2006, tramite l'avvocata Eleonora Stenico, di questo progetto per dare concretezza alle esigenze portate avanti dalle dottoresse Lucia Busatta e Marta Tomasi. Sono circa 50 gli avvocati volontari che hanno prestato servizio di volontariato e più di 70 gli studenti volontari. Numeri davvero importanti per un piano che vede il coinvolgimento di tantissime realtà che operano e si spendono sul territorio provinciale. Sono 130 i contatti all'anno. Da quando il servizio è attivo sono stati 1.700 i colloqui sostenuti".

 

Michele Russo sottolinea come molti studenti degli ultimi anni del corso di Giurisprudenza mettano a disposizione il proprio tempo e le proprie competenze per questo progetto. "Un momento importante di relazione tra la facoltà e le associazioni che operano sul territorio". 

L'obiettivo di questo accordo è quello di garantire tutela giuridica, mediante assistenza legale gratuita, per la sola fase stragiudiziale, alle persone “senza dimora”. "Hanno aderito all’iniziativa - evidenzia Bondi - tantissime associazioni per una rete importante. Un'iniziativa che ha riscontrato fin da subito un considerevole successo. Ogni realtà mette le proprie competenze e professionalità per non lasciare indietro nessuno. Le adesioni sono ancora aperte se qualche associazione fosse interessata".

 

Una fitta rete a favore delle figure più deboli della società. In linea generale, si tratta spesso di persone con una situazione personale complessa, che coinvolge non soltanto profili di carattere giuridico, ma anche sociale, economico, sanitario e psicologico. 

 

Gli Avvocati per la Solidarietà hanno aderito alla Conferenza regionale volontariato, un tavolo di lavoro impegnato nel rispetto della giustizia e dei diritti umani fondamentali di tutte le persone. Gli sportelli sono aperti in giorni e orari diversi. A Trento in via Travai 1 alla cooperativa Punto d’Incontro. A Rovereto il punto si trova in via Setaioli 3 alla Caritas diocesana.

 

Pare giusto, e bello, concludere con una frase di Piero Calamandrei citata, durante il suo intervento, da Monica Aste, che ben riassume lo spirito dell'iniziativa: "Molte professioni possono farsi col cervello e non col cuore. Ma l'avvocato no. L'avvocato non può essere un puro logico, né un ironico scettico, l'avvocato deve essere prima di tutto un cuore: un altruista, uno che sappia comprendere gli altri uomini e farli vivere in sé, assumere su di sé i loro dolori e sentire come sue le loro ambasce. L'avvocatura è una professione di comprensione, di dedizione e di carità".

 

L'accordo vede in prima linea Fondazione Caritro, l'ordine degli avvocati di Trento con Michele Russolo e l'ordine degli avvocati di Rovereto con Monica Aste, così come l'Università di Trento con Fulvio Cortese (presidente del Dipartimento facoltà di giurisprudenza), l'associazione italiana giovani avvocati con Fiorentina Luna Panteca e Fondazione trentina per il volontariato sociale con Nicoletta Molinari. E ancora Cooperativa Punto d'Incontro con Michele Boso, Caritas Diocesana con Alessandro Martinelli, Alfid-associazione laica famiglie in difficoltà con Claudio Malfer, Associazione Provinciale di Aiuto Sociale con Bruno Bortoli, associazione Ali Aperte con Emanuele Pastorino e associazione Cantiere Famiglia con Luisa Masera; associazione Centro Astalli con Stefano Graiff, associazione della Croce Rossa Italiana con Alessandro Brunialti e Atas Onlus con Danilo Feller.

 

Spazio poi all'associazione Filocontinuo con Donato Cillis, associazione Volontari di Strada con Francesco Pilati, associazione Casa Tridentina della Giovane con Anna Pia Rigon, Cnca Trentino Alto Adige con Claudio Bassetti, Punto d’approdo con Luisa Sartori , Fondazione Comunità Solidale con Cristiano Bettega, Convento alla Spalliera dei Padri Cappuccini con Massimo Lorandini, associazione Amici dei senza tetto di Trento con Rosalia Malagò, Aft onlus-Associazione famiglie Tossicodipendenti con Lorenzo Conci, Trentinosolidale e Non Profit Network – Centro servizi volontariato con Giorgio Casagranda e Villa S. Ignazio con Giuseppina Gottardi e Centro Italiano Femminile con Laura Conci.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 giugno - 11:51
Entra oggi in vigore la nuova ordinanza del presidente Kompatscher che prevede un alleggerimento delle misure restrittive. Via il coprifuoco e la [...]
Ambiente
21 giugno - 13:06
Già lo scorso autunno erano stati registrati i vocalizzi di due adulti che richiamavano i piccoli, ma mancava ancora la conferma definitiva, [...]
Cronaca
21 giugno - 13:24
Per chiunque avesse informazioni utili per il ritrovamento di Ciro, il suo padrone lo descrive con un cane non aggressivo, con micro chip, collare [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato