Contenuto sponsorizzato

Borsari, i gioielli di Verona che si rinnovano ogni anno

Borsari Gioielli è un brand che punta tutto sul made in Italy ed il suo stesso nome è ispirato alla città in cui è nato e ha preso forma: la bellissima Verona e in particolare una delle sue storiche porte

Pubblicato il - 05 December 2019 - 12:50

VERONA. Un marchio di gioielli ormai storico nel panorama nazionale, che da sempre è un punto di riferimento per coloro che sono alla ricerca di un regalo raffinato e prezioso ma al tempo stesso al passo con i tempi. Borsari Gioielli è un brand che punta tutto sul made in Italy ed il suo stesso nome è ispirato alla città in cui è nato e ha preso forma: la bellissima Verona e in particolare una delle sue storiche porte.

 

Ci concentriamo su questo brand di gioielli perché siamo nel periodo natalizio e nelle collezioni di Borsari possiamo trovare moltissime idee regalo, sia per lui che per lei, davvero interessanti. Collane, bracciali, ciondoli, orecchini realizzati a regola d'arte in Italia, da artigiani professionisti con alle spalle decenni di esperienza. La particolarità di questo brand però è un'altra: quella di non fermarsi mai e di cercare sempre l'innovazione, per riuscire a dare vita a creazioni moderne che sappiano adattarsi alle nuove tendenze.

 

Borsari: un brand che porta il nome della porta di Verona

Borsari non è solo il nome di questo marchio di gioielli: è prima di tutto la porta di Verona, simbolo di cambiamento e di novità. Secondo la leggenda infatti Romeo andò nella miglior bottega artigianale della città per far realizzare un gioiello speciale per la sua Giulietta. I preziosi dovevano essere importati appositamente per l'occasione e avrebbero attraversato proprio porta Borsari. Questo suggestivo aneddoto ci fa comprendere il significato attribuito ai gioielli da questo brand ed il suo legame indissolubile con la città in cui è nato: la bellissima Verona.

 

Qualità, ricerca ed innovazione in gioielli senza tempo

Possiamo proprio definirli gioielli senza tempo, quelli di questo marchio, perché esprimono tutta la raffinatezza insita in ogni donna non rimanendo però ancorati in modo troppo stretto alla tradizione. Se quindi da un lato i materiali utilizzati sono quelli di sempre e di maggior pregio come l'oro, l'argento e le pietre preziose come il diamante, il design si rinnova di anno in anno. Le nuove collezioni sono l'espressione perfetta della perfezione e della modernità, in grado di precedere in alcuni casi le mode del momento e di rivelarsi degli accessori insostituibili.

 

Il gioiello: il regalo perfetto da mettere sotto l'albero

Se siete alla ricerca del regalo perfetto da mettere sotto l'albero, quindi, vi consigliamo di dare un'occhiata alle nuove collezioni di questo storico brand. È praticamente impossibile non trovare il gioiello giusto da donare, perché i modelli sono talmente vari da riuscire ad accontentare qualsiasi gusto. Dal tradizionale al moderno, il design ha sempre qualcosa di speciale e ad impreziosire il tutto c'è una costante ricerca di nuove tecniche.

 

Con questo marchio non si rischia certo di fare brutta figura, anzi, si può andare proprio sul sicuro. Se quindi per Natale o per qualsiasi occasione speciale non sapete cosa regalare alla vostra lei o perché no al vostro lui, non rimarrete delusi dalle nuove collezioni. Vale la pena prendere in considerazione questo brand, che affonda le sue radici in una delle città più belle e romantiche d'Italia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 13:22

I compagni di uscita hanno immediatamente interessato il Numero unico per le emergenze, ma si sono anche subito dati da fare per localizzare l'amico. In azione anche l'elicottero e le unità del soccorso alpino. Gli sportivi tutti dotati di Artva, pala e sonda

19 January - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

19 January - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato