Contenuto sponsorizzato

Frana a Daone, una maestra ferita e i bimbi delle elementari calati dall'ultimo piano dell'edificio. Maxi esercitazione in Valle del Chiese

Emozionatissimi i bambini della scuola materna che hanno aderito alla manovra, assieme a molti cittadini che hanno esposto il nastro rosso fuori dalle loro case ad indicare ai soccorritori la loro volontà di partecipare. La maestra Claudio Valenti: "È stata un'esperienza fantastica, i bambini non la dimenticheranno mai e per noi essere parte attiva della vita della comunità è bellissimo"

Pubblicato il - 21 maggio 2019 - 18:13

VALDAONE. Anche i bambini e le maestre della scuola materna hanno fatto la loro parte per aiutare i soccorritori nel test del piano di Protezione civile del comune di Valdaone andato in scena domenica 19 maggio. Tra i finti feriti c'era anche una delle maestre, mentre tutti i bimbi sono stati calati dall'ultimo piano dell'edificio grazie all'intervento dell'autoscala. E anche il circolo anziani e molti cittadini hanno aderito all'iniziativa organizzata nel comune della Valle del Chiese per rendere il più realistica possibile l'azione per i soccorritori coinvolti. 

 

Grandi protagonisti della giornata oltre un centinaio di volontari dei vigili del fuoco di Daone, Bersone e Praso, ma anche i corpi di Pieve di Bono, Prezzo, Bondo-Breguzzo, Condino e Storo. E con loro la Croce rossa italiana, il Soccorso alpino, la Scuola provinciale cani da ricerca, la guardia di finanza, i Nu.vol.a., gli psicologi dei popoli, la forestale, la polizia locale, l'Associazione carabinieri in congedo, i carabinieri e la Pro loco di Praso che ha dato un supporto logistico. 

 

La manovra si è svolta nella mattinata di domenica, sotto una pioggia torrenziale che ha reso ancora più impegnativa, ma anche realistica, la manovra: si è messo in scena un evento franoso a monte del paese di Daone che ha reso necessaria la chiusura della strada provinciale che conduce alla frazione di Bersone e l’evacuazione di una parte degli abitati di Daone e di Bersone.

 

In particolare la zona compresa tra via Orti – Via Saverio – Via Merlino – via Casali per quanto riguarda Daone e la frazione di Formino per quanto riguarda Bersone. La fase finale della manovra è stata a Praso dove era stato allestito il Centro Operativo Comunale e  i Nu.vol.a. hanno preparato il pranzo per tutti i partecipanti.

 

"Un'esercitazione davvero riuscita – commenta la sindaca di Valdaone, Ketty Pellizzari -  grazie alla partecipazione di tante squadre di intervento e anche alla partecipazione della popolazione, e penso anche ai bambini e alle maestre della scuola materna e al circolo anziani. Sono stati il vero valore aggiunto che ha consentito di testare il piano di protezione civile comunale in maniera molto efficace, dando ai soccorritori l'opportunità di trovare reazioni ed emozioni realistiche come in una vera calamità. Il mio ringraziamento va a tutti i volontari che si sono messi in gioco, ai dipendenti comunali che pure hanno partecipato dando applicazione al Piano di protezione civile dal punto di vista amministrativo a Paolo Aricocchi, ex comandante del Corpo dei vigili del fuoco di Praso che ha coordinato l'evento, i tre comandanti dei corpi di Valdaone e l'ispettore distrettuale Andrea Bagattini". 

 

Emozionatissimi i bambini della scuola materna che hanno aderito alla manovra, assieme a molti cittadini che hanno esposto il nastro rosso fuori dalle loro case ad indicare ai soccorritori la loro volontà di partecipare. "È stata un'esperienza fantastica – spiega la maestra Claudia Valenti – i bambini non la dimenticheranno mai e per noi essere parte attiva della vita della comunità è bellissimo. Siamo molto orgogliosi di aver fatto parte della manovra e per i bambini è stata un'esperienza molto formativa vedere i soccorritori all'opera, l'ambulanza. E i vigili del fuoco sono stati meravigliosi nel tranquillizzarli e trattare con loro".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 12:54

I carabinieri di Canal San Bovo stavano indagando da tempo dietro a quello che sembrava un incidente, avvenuto il 3 luglio. Ora è arrivata la denuncia per il reato di lesioni personali, danneggiamento e fuga

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato