Contenuto sponsorizzato

Il Land Tirolo contro il navigatore: vietate le strade secondarie lungo l'asse del Brennero

Le limitazioni al traffico saranno attive tutti i weekend invernali fino al 13 aprile 2020. Il problema? Gli automobilisti che, per evitare code e rallentamenti, seguendo le indicazioni del navigatore, escono dall'autostrada e intasano le strade dei centri abitati creando ulteriori disagi

Pubblicato il - 19 dicembre 2019 - 16:50

BRENNERO. Il Land Tirolo dichiara guerra a Google Maps. Da sabato 21 dicembre, scattano, lungo l'asse del Brennero, limitazioni al traffico per contrastare un fenomeno che potrebbe essere (sarcasticamente) definito "i furbetti di Google Maps". Le limitazioni entreranno in vigore, dunque, il prossimo fine settimana e saranno attive ogni weekend fino al 13 aprile 2020.

 

Il provvedimento, già adottato la scorsa estate, ha dato (evidentemente) buoni risultati e quindi, ora, il governo tirolese ha deciso di riproporlo. L'obiettivo è impedire al flusso di turisti, che, nei weekend invernali, si fa particolarmente intenso, di intasare le strade secondarie. Accade spesso, infatti, che gli automobilisti, per evitare code e rallentamenti, escano dall'autostrada e, seguendo le indicazioni di Google Maps e simili, si avventuri in strade secondarie creando ulteriori disagi

 

"Il ricorso massiccio alle deviazioni stradali grazie a sofisticati dispositivi elettronici, che in modo estremamente rapido suggeriscono di evitare gli ingorghi, rendono necessarie queste misure", spiega Gunther Platter, governatore del Land. 

 

Come già successo in estate, i divieti di circolazione riguarderanno solo il traffico di transito in Tirolo, ma non il traffico di destinazione, di origine o affini. Questo significa che coloro i quali dovranno raggiungere una località nelle zone interessate dalle limitazioni (ad esempio per una vacanza, un'escursione, una consegna) potranno tranquillamente farlo. 

 

Le limitazioni alla circolazione saranno in vigore il sabato dalle 7.00 alle 19.00, la domenica e nei giorni festivi dalle 8.00 alle 17.00 su determinate tratte stradali nei distretti di Kufstein, Reutte, Schwaz e Innsbruck. In alcune località (Ebbs, Gries am Brenner, Kufstein, Matrei am Brenner e Niederndorf) saranno inoltre attivi dei semafori appositi per controllare, e limitare, l'accesso delle autovetture in caso di traffico sostenuto. 

 

Una misura, insomma, che mira a controllare il traffico che, in periodi particolarmente delicati (come l'estate o i weekend invernali), rischia di mettere in ginocchio la viabilità tirolese. 

 

"In estate - commenta Ingrid Felipe, responsabile dei trasporti - era già chiaro che avremmo preso ancora misure simili, misure che si concentrano nelle zone più problematiche, particolarmente interessate dal traffico nei mesi invernali".

 

Per questo verranno anche intensificati i controlli da parte della polizia stradale. Chi sgarra rischia sanzioni che possono arrivare fino a 60 euro. Markus Widmann, capo della polizia stradale tirolese, a tal proposito ha spiegato: "I divieti di circolazione sono registrati nel sistema di informazione sul traffico del Ministero degli Interni e sono quindi disponibili per gli operatori di navigazione. Chiunque sia in transito, dovrebbe dunque rimanere sulle principali rotte del traffico".  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 19:33

Sono 256 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 3 decessi. Sono 13 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

25 gennaio - 19:13

Il tribunale accoglie il ricorso della Filcams, Bassetti e Delai. "I diritti valgono per tutti i lavoratori, anche quelli più deboli. La Provincia, come ente appaltante, avrebbe dovuto pretenderlo: atteggiamento grave e inadeguato di piazza Dante"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato