Contenuto sponsorizzato

In Alto Adige al via il bonus energia

Respirano 220.000 famiglie in Alto Adige perché finalmente è stato concesso il tanto atteso bonus energia, che consentirà alle utenze domestiche altoatesine, limitatamente all’abitazione principale, di risparmiare circa 54 euro

Pubblicato il - 25 giugno 2019 - 19:04

BOLZANO. Respirano 220.000 famiglie in Alto Adige perché finalmente è stato concesso il tanto atteso bonus energia, che consentirà alle utenze domestiche altoatesine, limitatamente all’abitazione principale, di risparmiare circa 54 euro. Una consistente boccata d’aria per le molte famiglie che potranno approfittare dell’occasione, dopo che gli ultimi anni sono stati vissuti all’insegna dei continui aumenti nelle bollette. Aumenti però che possono essere gestiti, e scongiurati, valutando con intelligenza un cambio di gestore e passando al mercato libero.

 

Bonus bolletta: in arrivo 54 euro di sconto a famiglia

Del bonus energia in Alto Adige si è cominciato a parlare già nel 2017, anche se solo ultimamente si è pervenuti all’incontro dei tecnici della Provincia col Segretario generale di Arera, Edoardo Battisti. Il budget che verrà messo in conto annualmente ammonterebbe intorno ai 12 milioni di euro, in dipendenza della produzione del periodo, e dovrebbe quindi restituire alle famiglie circa 54 euro ogni anno. Si tratterebbe dunque di uno sconto da applicare sulla bolletta con una procedura ad hoc la cui realizzazione verrà finanziata dalla Provincia regionale, che stanzierà un milione di euro prelevandolo dal budget dei 12 milioni.

 

Un budget che proviene dalla cessione, regolamentata per Statuto e per Legge, di una quota dell’energia prodotta dai concessionari delle centrali idroelettriche, e che diventerebbe quindi un modo di restituire ai cittadini altoatesini parte dei guadagni ottenuti sfruttando le risorse naturali del loro territorio. Si tratterebbe, in particolare, di parte dell’accordo stipulato ai tempi della creazione di Alperia, società costituita dalla Provincia regionale insieme ai Comuni dell’Alto Adige proprio per razionalizzare e sfruttare le risorse energetiche naturali della zona.

 

Italiani poco informati, ma il mercato libero conviene di più

Ma se l’accordo nato tra le Amministrazioni pubbliche e i Concessionari sta dando i suoi frutti, anche la liberalizzazione dell’energia può consentire a molti di tagliare i prezzi in bolletta: molto spesso infatti basterebbe informarsi sulle opportunità offerte dal passaggio al mercato libero cambiando gestore energetico.

 

Purtroppo ancora oggi si naviga in mezzo a una serie di informazioni di scarsa utilità, spesso incapaci di chiarire quanto possa essere conveniente staccarsi dal mercato di maggior tutela mentre, come dimostrato da una serie di studi, chi tra il 2017 e il 2018 ha deciso di cambiare operatore scegliendo per la propria fornitura luce VIVIgas Energia, ad esempio, è riuscito a incrementare il proprio risparmio fino al 128%. È un dato di fatto, però, che gli italiani siano attualmente poco documentati sulle diverse opportunità offerte, tanto che ben l’80% dei nostri connazionali non è in grado di distinguere le varie voci che compongono una bolletta, che questo sia per pigrizia o per mancanza di un’informazione adeguata.

 

Nell’attesa quindi che sempre più italiani comincino a documentarsi sulle opportunità offerte dal mercato libero dell’energia per cominciare a risparmiare, almeno per gli altoatesini un aiuto sta per arrivare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 09:25

Andrea Villotti oltre ad essere il numero uno della società che si occupa di gestire il patrimonio immobiliare degli enti pubblici del Trentino (che, però, non pubblica il suo curriculum vitae nonostante i termini siano scaduti per l'Anticorruzione) è direttore emerito del Milton Friedman Institute e all'indomani del dpcm di Conte il suo direttore esecutivo ha comunicato che: ''Il nostro Istituto inizierà una incessante campagna per la disobbedienza fiscale al fianco di tutti quegli imprenditori colpiti da queste assurde misure che minano la convivenza civile''

26 ottobre - 18:38

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato