Contenuto sponsorizzato

La val di Sole va alla riscoperta dei segreti del tarassaco, al via il primo festival della Zicoria

Dal 20 aprile al 5 maggio un ricco calendario a base di attività, visite guidate, laboratori creativi, trekking e uscite in e-bike, ma soprattutto il buon cibo per arricchire di profumi e divertimento tutta la val di Rabbi. Durante il periodo dell’evento, organizzato dall’Apt Val di Sole con il consorzio turistico Rabbi Vacanze, cinque ristoranti e una malga propongono poi diversi gustosi piatti

Pubblicato il - 17 aprile 2019 - 16:43

RABBI. Non solo l'ice music festival (Qui articolo), la Val di Sole si propone tra i territori più attivi nel trovare nuove proposte e soluzioni per coinvolgere turisti e residenti. L'ultima iniziativa è il festival della Zìcoria, una prima edizione per riscoprire i rimedi e i sapori tipici dell'arco alpino. L'appuntamento va dal 20 aprile al 5 maggio in val di Rabbi nel parco nazionale dello Stelvio alpino.

 

 

Dente di leone, dente di cane, soffione, girasole dei prati, cicoria selvatica e, in Val di Sole, zìcoria. Tanti nomi, alcuni buffi e giocosi, per una pianta sempre più nota: il tarassaco. Un fiore leggendario noto fin dall'antichità per le sue proprietà medicamentose, come indica già la sua etimologia (tarakè - agitazione e akos – rimedio): drenanti, depurative, disintossicanti, diuretiche, digestive e antiossidanti.

 

Proprio per permettere di riscoprire le grandi potenzialità di questa pianta, molto diffusa nelle nostre montagne, nella cornice della Val di Rabbi e del Parco nazionale dello Stelvio, si tiene il primo Zicoria Festival di Sole. "Una proposta innovativa - spiega Fabio Sacco, direttore dell'Apt Val di Sole - costruita attraverso un progetto partecipativo che vuole valorizzare le eccellenze e le peculiarità del territorio, rispettando e coinvolgendo a pieno titolo chi, questa risorsa, la vive ogni giorno". 

 

Nelle due settimane del festival, che accoglie la primavera in montagna, insieme al tarassaco le altre protagoniste sono le erbe spontanee. Un ricco calendario a base di attività, visite guidate, laboratori creativi, trekkinguscite in e-bike, ma soprattutto il buon cibo per arricchire di profumi e divertimento tutta la val di Rabbi.

 

Il sapore è lievemente speziato e il tarassaco è, infatti, molto utilizzato in cucina: dagli antipasti fino ai dessert. Si abbina bene a verdure cotte e crude. Anche i petali dei fiori possono contribuire a dare sapore e colore a insalate miste. Messi dentro alla pastella si possono friggere e mangiare croccanti. Spesso, le sue radici e foglie, ma anche il fiore, vengono utilizzati anche per decotti e tisane.

 

Durante il periodo dell’evento, organizzato dall’Apt Val di Sole in collaborazione con il consorzio turistico Rabbi Vacanze, cinque ristoranti e una malga della Val di Rabbi propongono poi diversi gustosi piatti con la zicoria grande protagonista.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

27 novembre - 09:30

Due donne sono state estratte dal proprio veicolo, finito in un fossato dopo uno scontro con un'altra auto. L'incidente è avvenuto attorno alle 18.30 di giovedì 26 novembre nella località di Veronella, poco sotto Verona. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco, che hanno dovuto utilizzare le pinze idrauliche per liberarle

27 novembre - 09:09

L'obiettivo è quello di non spostare il coprifuoco e quindi anticipare anche la Messa di Natale. Il governo starebbe trattato con la Cei, intanto per la riapertura degli impianti sciistici se ne dovrà riparlare a gennaio e lo stesso vale per la scuola

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato