Contenuto sponsorizzato

L'Alto Adige investe in cinema e serie Tv: 766.000 euro per 11 produzioni tra cui l'attesa serie di Netflix sul Lago di Resia

La giunta di Bolzano ha deciso di sostenere economicamente 11 produzione tra film, serie tv e documentari. Si chiamerà Curon la serie tv prodotta da Netflix quasi interamente in Alto Adige. Al lavoro anche Messner per un documentario con il figlio 

Pubblicato il - 09 novembre 2019 - 19:20

BOLZANO. C'è anche una serie targata Netflix tra gli undici progetti (film, serie tv e documentari) che la Giunta provinciale di Bolzano ha deciso di sostenere economicamente riconfermando lo stanziamento nella terza sessione di finanziamento del Fondo provinciale per le produzioni cinematografiche e televisive gestito da IDM Alto Adige.

 

Si tratta di “Curon” (QUI APPROFONDIMENTO CON TEASER) una serie che sarà ambientata nell'omonimo paese della Val Venosta conosciuto soprattutto per il campanile che emerge dal lago di Resia. La testimonianza del vecchio borgo sommerso negli anni ‘50: 677 ettari di terreno completamente scomparsi, quasi 150 famiglie senza più nulla.  La produzione girerà in Alta Val Venosta quasi l'intero blocco di riprese, location perfetta per raccontare vicende misteriose legate al lago e agli abitanti del paese che non c'è più. La serie è prodotta da Indiana Production e scritta da Ezio Abbate, Giovanni Galassi, Tommaso Matano e Ivano Fachin.

 

Per i vari progetti finanziati sono 101 le giornate di riprese in Alto Adige e un effetto territoriale di quasi 1,8 milioni di euro a fronte di uno stanziamento complessivo di 766.000 euro.  Degli 11 progetti che ottengono un finanziamento, 9 provengono dall’Italia, uno dalla Francia e uno dall’Olanda.

 

Torna a girare sulle Dolomiti anche Reinhold Messner, protagonista insieme al figlio Simon del docu-film Niemandsland in cui fa rivivere la spettacolare salita della parete sud della Marmolada alla vigilia della prima guerra mondiale. Sempre un alpinista, Simon Gietl, sarà al centro di un altro documentario dal titolo provvisorio Südtirols hoher Norden prodotto dalla bolzanina Albolina Film e diretto da Jochen Hemmleb che girerà probabilmente tra Valle Aurina, Vedrette di Ries, Monte Collalto e la Val di Riva.

 

A noi rimane il mondo” è il documentario di Armin Ferrari, prodotto dalla Altrove Films, che esplora la narrazione sperimentale del collettivo Wu Ming e del suo approccio alla letteratura, all'arte e alla politica in Italia. La casa di produzione altoatesina Albolina Film riceve invece un sostegno per la realizzazione di un documentario su Max Valier, pioniere della tecnologia spaziale che, negli anni '20. "Der Raketenmann. Max Valier: der Traum vom Weltall" è il titolo provvisorio del progetto. Finanziate anche la produzioni "Mahler - The Echo of Being", dell’olandese Lucas van Woerkum, e "Amate sponde" dell’italiano Egidio Eronico.

 

In fase di pre-produzione sono invece a i progetti seguiti. Si tratta di "Lullaby", serie TV sviluppata in Alto Adige durante lo Script Lab di IDM RACCONTI #7 con soggetto e sceneggiatura di Manuela Piemonte e produzione franco-polacca. Sostegno anche al progetto di Krzysztof Komander "The Adventure Hunters", al documentario "Commons" di Nuno Escudeiro (sceneggiatura di Andreas Pichler) prodotto dalla Miramonte Film di Bolzano e a "Fabula" di Lorenz Puntoni della Lumen Film di Roma.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 settembre - 13:10

Dopo quanto accaduto a Ischgl tra febbraio e marzo il cancelliere austriaco ha annunciato una serie di misure che si applicheranno questa stagione sulle piste. Mascherine in funivia, distanza di un metro gruppi di massimo 10 persone per le scuole di sci

24 settembre - 10:46

Era stato ricoverato al Negrar. Sono sopraggiunte delle complicanze a seguito della caduta e così è deceduto. Nell'incidente si era ferita anche la figlia di 40 anni

24 settembre - 11:50

Al ballottaggio ci sono l'ex sindaco e l'imprenditore Zanin. Decisivo diventa quel 13% che è stato preso dal candidato dell'Svp che, per ovvi motivi, non può imparentarsi con ultra nazionalisti e figure vicine all'ultra destra. Intanto i nostalgici di Casapound salutano il consiglio: '' Siamo i fantasmi di una guerra che non abbiamo fatto, ma siamo i guerrieri di una pace durata troppo a lungo. Ancora qui ci ritroverete tra mille anni e mille anni ancora''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato