Contenuto sponsorizzato

L’Asuc Pergine Valsugana rinnova il comitato e pubblica un video per ricordare a tutti cosa è stata Vaia

Dai primi interventi post Vaia, alla gestione sostenibile di boschi e pascoli, fino alle malghe: un video per sottolineare il lavoro svolto dall’Asuc Pergine Valsugana che domenica 29 settembre voterà per il rinnovo del comitato

Di Tiziano Grottolo - 23 settembre 2019 - 15:33

PERGINE VALSUGANA. Domenica 29 si vota per il rinnovo dell’Asuc Pergine Valsugana, dopo che la prima votazione è stata annullata per il mancato raggiungimento del quorum, proprio per questo motivo l’Asuc locale ha deciso di pubblicare un video per ricordare gli interventi effettuati e sottolineare l’importanza che il comitato ricopre nella gestione del territorio.

 

“Un voto importante – spiegano dall’Asuc – per conservare e far crescere un’antica istituzione parte della nostra cultura e tradizione”.

 

Stiamo parlando infatti di un ente che per statuto ha il compito di amministrare, tutelare e valorizzare i beni di uso civico e le proprietà collettive di appartenenza delle frazioni comunali.

Per spingere le persone a partecipare al voto dunque, si è scelta la strada della pubblicazione di un video molto suggestivo, realizzato dal videomaker Mauro Fontana. In questo cortometraggio si ripercorrono le principali tappe delle attività dell’Asuc che passa inevitabilmente per la gestione dell’emergenza post Vaia.

 

Si va dagli interventi in collaborazione con i vigili del fuoco per la messa in sicurezza delle foreste abbattute dalla tempesta, passando per la successiva rimozione degli alberi schiantati. Ma si parla anche della gestione di boschi, pascoli e della malga Montagna Granda in Panarotta.

 

“L’idea del video – spiega il presidente uscente Michele Zanella ci è venuta per mostrare alla gente ciò che facciamo”. Le attività quest’anno sono state tante e hanno impegnato molto i membri del comitato.

 

Tra i primi interventi ci sono stati quelli per liberare le strade forestali dagli alberi schiantati e renderle di nuovo percorribili. Dopodiché sono state organizzate le gare d’appalto per la rimozione del legname e la conseguente vendita.

 

“Abbiamo recuperato circa il 40% degli alberi abbattuti – afferma Zanella – il problema è che il prezzo del legname si è abbassato drasticamente e questo ci preoccupa non poco per il futuro”.

 

Gran parte delle attività dell’Asuc infatti è finanziata tramite la vendita del legname, che permette di pagare le spese correnti e straordinarie oltre che rendere disponibili taluni interventi contribuitivi per molte associazioni perginesi, ma con il crollo dei prezzi tutte queste attività sono a rischio.

 

Anche per questo sarà importante eleggere un nuovo comitato che possa traghettare l’Asuc in questo difficile momento.

 

L’ente dovrà fare i conti con gli scarsi introiti a fronte dell’aumento degli impegni e degli interventi per recuperare il territorio: “Stimiamo che ci sarà bisogno almeno di un altro anno per completare la rimozione dei tronchi abbattuti dalla tempesta”.

 

Quindi si parla della fine del 2020, anche perché adesso sta arrivando il brutto tempo e gli interventi si fermeranno. “Da parte nostra confidiamo comunque nell’arrivo della stagione invernale perché con questa arriverà anche la neve indispensabile per il buon andamento della stagione sciistica”.

 

“Il prossimo anno valuteremo se rimuovere anche i ceppi rimasti per trasformare una porzione di questi terreni in pascoli ma bisognerà vedere se avemmo le risorse sufficienti” conclude Zanella.

Domenica 29 settembre dunque ci sarà un appuntamento molto importante per la comunità di Pergine Valsugana. Dalle 8 alle 22 in Piazza Garibaldi, ex filanda, al piano terra si terranno le votazioni per il rinnovo del comitato Asuc. Hanno diritto di voto tutti maggiorenni residenti nel comune catastale di Pergine da almeno 10 anni.

 

Se per tre votazioni il quorum non sarà raggiunto l’Asuc sarà sciolta e l’amministrazione passerà al comune di Pergine Valsugana.

 

Il nuovo comitato eletto rimarrà in carica 5 anni e sarà chiamato ad amministrare un territorio boschivo che si estende per circa 320 ettari, i pascoli della zona, una malga e il ristorante in Panarotta, ma anche la vendita di oltre 1500 metri cubi di legname all’anno. Impegni importanti che richiederanno un grande impegno da parte dei 5 membri che saranno eletti ad adempiere questi compiti. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 ottobre - 12:38

L'ex assessore è intervenuto sulle affermazioni del critico d'arte rilasciate a "L'aria che tira" il programma condotto da Myrta Merlino su La7, la replica del presidente del Mart: "Sono opinioni personali e non è necessario che gli piacciano, anche perché è una nullità e non serve che mi faccia la morale"

18 ottobre - 06:01

Dopo lo scontro dei giorni scorsi, non si fermano le polemiche. Il consigliere provinciale Alex Marini ha pubblicato su facebook la notizia che verrà querelato per le dichiarazioni alla stampa sul collega ed altri. Filippo Degasperi risponde, non risparmiando critiche per l'atteggiamento e i diversi punti sollevati dall'intervista incriminata. E chiede ironico: "Ma chi è, Savonarola?"

18 ottobre - 11:08

Ieri pomeriggio il ragazzo era alla guida del suo furgone quando ad un certo punto è finito contro un tir che lo precedeva. Uno scontro violentissimo che non ha lasciato scampo al giovane 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato