Contenuto sponsorizzato

L'osteria storica Morelli di Canezza è la miglior trattoria dell'anno tra le Alpi e l'Adriatico. Battuta la concorrenza di 400 ristoranti

Un riconoscimento internazionale in quanto la guida enogastronomica recensisce ristoranti, vini e artigiani del gusto della macroregione va dalle Alpi all’Adriatico tra Trentino, Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia, Emilia Romagna, Austria, Baviera, Ungheria, Slovenia e Croazia. "Niente voli pindarici, niente diavolerie. La parola d’ordine è semplicità"

Di L.A. - 14 novembre 2019 - 22:19

PERGINE. L'Osteria storica Morelli di Canezza di Pergine è stata premiata quale miglior trattoria del 2019 nell'ambito del Best gourmet of Alpe Adria. Un riconoscimento internazionale in quanto la guida enogastronomica recensisce 400 ristoranti, 100 vini e 70 artigiani del gusto della macroregione va dalle Alpi all’Adriatico tra Trentino, Alto Adige, VenetoFriuli Venezia Giulia e Lombardia. E ancora Emilia Romagna, Austria, Baviera, Ungheria, Slovenia e Croazia

 

"Una trattoria storica di nome e di fatto – si legge nella motivazione del premio – dove il pane sa di pane, le pietanze hanno il gusto della genuinità, i prodotti del territorio sono elaborati da mani sapienti senza dimenticare i vini che sono proposti (anche a bicchiere) a prezzi onesti. Numi tutelari di questo ristorante bomboniera sono Fiorenzo Varesco e la moglie Antonella. La loro è una cucina ruspante: dagli insaccati ai formaggi, dalle erbe spontanee ai funghi, dalle carni ai pesci d’acqua dolce. Niente voli pindarici, niente diavolerie. La parola d’ordine è semplicità". 

 

L'Osteria storica Morelli propone un menù a filiera trentina a base di materie prime provenienti da piccoli produttori della nostra provincia per valorizzare territorialità, stagionalità e tradizione. Questa realtà venne fondata da Cristiano Morelli nel 1751, prima i proventi derivavano dalla gestione di un mulino, quindi l'attività è stata estesa all'osteria con cantina. 

 

Alla fine del Settecento suo figlio, Giovanni Battista, ebbe l’idea di avviare anche un salumificio, che in poco tempo si sviluppò fino a arrivare a ben 40 dipendenti. Funzionava stagionalmente, da novembre a fine marzo, e dava lavoro agli abitanti di Canezza che nei mesi più caldi erano, poi, impegnati nei cantieri o nei campi. I prodotti venivano confezionati utilizzando soprattutto la carne proveniente da allevamenti della valle dei Mocheni.

 

I prodotti venivano richiesti anche dall’estero e il salumificio Morelli si conquistò fama e prestigio, tanto che nel periodo asburgico arrivarono fino alle mense imperiali di Vienna. Il fiore all’occhiello erano i salami a forma di pera a pasta finissima. L’azienda gestiva, oltre al salumificio e all’osteria, anche un grande negozio di generi alimentari.

 

Il prestigioso riconoscimento è stato festeggiato in un incontro a tema folklore, attività artigianali, gastronomia e viticoltura della valle dei Mocheni. Oltre ai titolari Fiorenzo e Antonella Varesco, presenti anche l'agronomo Stefano Delugan, Claudio Morelli, responsabile del Museo etnografico degli antichi mestieri della valle dei Mocheni, e Dario Pegoretti, animatore del Museo del Paracarro, un percorso stradale con i cippi e le targhe dei campioni del ciclismo. Nel frattempo gli ospiti hanno potuto gustare il menù preparato in collaborazione con Gianpaolo Girardi

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 18:15

Il rapporto contagi/tamponi si attesta a 2,55%. Sono 15 i pazienti, 1 persona in più rispetto a ieri,ricoverati in ospedale, nessuno si trova in terapia intensiva. Il totale è di 6.662 casi e 471 decessi da inizio epidemia Covid-19

01 ottobre - 18:44

Sono molti i casi di positività registrati oggi nelle strutture scolastiche altoatesine. Dopo i due insegnanti riscontrati positivi nella scuola d'infanzia Dolomiti di Bolzano, altri due membri del corpo docente sono stati trovati contagiati. Questo ha portato alla chiusura fino a lunedì della materna per le operazioni di sanificazione

01 ottobre - 15:44

Oltre ai dettagli, riferiti dallo stesso medico veterinario ai militari del Cites, su come M49 abbia più volte tentato di scagliarsi contro la recinzione, M57 ripeta dei movimenti ritmati, Dj3 non si nutra per paura degli altri due esemplari, ecco cosa hanno riportato i carabinieri nella loro relazione: ''Si è ritenuto necessario ricorrere alla somministrazione quotidiana di integratore a base di acido gamma amminobutirrico, con effetto inibitorio del sistema nervoso centrale, per prevenire e controllare lo stato di stress di M49 (..) e M57''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato