Contenuto sponsorizzato

Moda uomo 2019, le tendenze delle passerelle per la stagione primavera-estate

Dalle ultime passerelle possiamo trovare molte ispirazioni per quanto riguarda le tendenze della moda uomo per la stagione primavera-estate. Le novità sugli outfit maschili saranno sicuramente molto apprezzate sia dai giovani che dai meno giovani perché la parola d’ordine nella bella stagione sarà “semplicità”

Pubblicato il - 15 aprile 2019 - 16:53

TRENTO. Dalle ultime passerelle possiamo trovare molte ispirazioni per quanto riguarda le tendenze della moda uomo per la stagione primavera-estate. Le novità sugli outfit maschili saranno sicuramente molto apprezzate sia dai giovani che dai meno giovani perché la parola d’ordine nella bella stagione sarà “semplicità”

 

Finalmente quindi potremo dire addio agli abiti troppo elaborati, così come alle stampe in bella mostra su t-shirt e maglioni. Se le camicie rimangono un must have intramontabile, saranno anche più semplici e fresche, visto che il lino sarà il tessuto della stagione che si è appena aperta! Rimangono invece sempre di tendenza i pantaloni larghi e morbidi, mentre ormai quelli attillati saranno solo un lontano ricordo per l’uomo che vuole essere alla moda.

 

Seguire le tendenze del momento non è sempre facile: se non vuoi rischiare di sbagliare scopri l’abbigliamento da uomo Ovs. La nuova collezione è già disponibile anche online ed è proprio in linea con la moda lanciata dalle passerelle! Vediamo adesso le regole d’oro per essere al top nella bella stagione.

Le camicie rimangono un must have, ma il lino è il protagonista della primavera e dell’estate

Le camicie non tramonteranno mai: sono un capo d’abbigliamento che ogni uomo deve avere nel proprio guardaroba. Per la bella stagione però la novità è nel tessuto: sarà infatti il lino il protagonista assoluto e se leggermente usurato ancora meglio. Come abbiamo detto, la semplicità è la parola d’ordine e ci accompagnerà fino al prossimo autunno. Meglio optare per una tinta unica per non rischiare di sbagliare.

Pantaloni rigorosamente large e con le tasche in vista

Per quanto riguarda il pantalone, continua ad andare per la maggiore quello morbido e largo: ormai l’attillato è stato abbandonato e chissà quando lo rivedremo comparire sulle passerelle. Anche le tasche continuano a riscuotere successo, quindi via libera ai modelli che le mettono bene in vista anche sulla gamba o sotto al ginocchio. Il jeans strappato, per gli amanti del genere, sta un po’ perdendo piede ma si continuerà a vedere per le strade ancora per la prossima stagione quindi via libera anche a questo.

Magliette e t-shirt semplici: via le stampe e le scritte

Come abbiamo detto la parola d’ordine per la stagione primavera-estate è semplicità. Scompaiono infatti anche dalle magliette e dalle t-shirt le scritte e le stampe che fino a qualche tempo fa erano praticamente ovunque. Con la bella stagione quindi meglio optare per una tinta unita o al massimo per un motivo floreale, riservato però solamente ai più stilosi e a chi vuole osare un po’ di più. I colori chiari naturalmente rimangono i più indicati per l’estate.

Tra gli accessori arriva la borsa a tracolla, anche per gli uomini

Per gli uomini che amano la comodità ci sono delle belle novità. La borsa a tracolla, che fino a qualche tempo fa era riservata solo al genere femminile, è diventata adesso uno degli accessori più gettonati anche per completare l’outfit maschile. Meglio sceglierla di piccole dimensioni e naturalmente evitarla di abbinarla al marsupio: o l’una o l’altro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 13:32

E' di dieci punti il programma presentato da Forza Italia questa mattina con il nuovo commissario per il Trentino Ettore Zampiccoli. Baracetti ha spiegato che è importante “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”

08 luglio - 12:56

Si doveva votare il 21 giugno e per arrivarci (e arrivare alla conferma di Vučić) il problema della pandemia ancora presente nel Paese è stato sminuito. Oggi i conti non tornano (come spiega l'Osservatorio Balcani Caucaso) e questa notte all'annuncio dell'inasprimento delle regole per contenere il virus gli antigovernativi hanno manifestato. Sono stati bruciati tre mezzi della polizia, 23 persone sono state arrestate e si segnalano molti feriti

08 luglio - 11:31

A trovare il corpo senza vita della donna è stato un turista che stava parcheggiando l'auto. Si segue la strada dell'omicidio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato