Contenuto sponsorizzato

Si chiama Luigi Di Maio (come il ministro) il nuovo vicario del questore Garramone

Il primo dirigente della polizia di Stato lavora in viale Verona dal 6 maggio scorso. A Trento era già stato dirigente della polizia stradale

Pubblicato il - 14 maggio 2019 - 16:20

TRENTO. Si chiama come il ministro dello Sviluppo economico il nuovo vicario del questore assegnato alla questura di Trento: si tratta del primo dirigente della polizia di Stato Luigi Di Maio.

 

Siciliano, con lunga esperienza nella lotta alla criminalità organizzata di stampo mafioso, il nuovo vicario è il diretto collaboratore del questore Garramone dallo scorso 6 maggio.

Laureato in Giurisprudenza e in Scienze delle pubbliche amministrazioni, è entrato in polizia nel 1988. Questo il suo curriculum: Di Maio nel 1999 è stato assegnato alla questura di Palermo dove ha ricoperto diversi incarichi lavorando anche alla squadra mobile. Nel 1993 è stato nominato vice dirigente della Criminalpol del capoluogo siciliano, dal 1999 al 2010 ha svolto il servizio alla Direzione investigativa antimafia di Palermo e poi a quella di Catania.

 

Del 2010 l'incarico di dirigente della sezione polizia stradale di Trento, del 2012 la promozione a dirigente della sezione polizia stradale di Padova e successivamente di Catania. Nel luglio 2016 è stato nominato vicario del questore di Savona, incarico che ora ricopre per il questore di Trento Garramone.

Di Maio è stato insignito, nel corso della sua carriera, di numerose ricompense premiali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 dicembre - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 dicembre - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato