Contenuto sponsorizzato

Stage formativi e lavorativi, ''Esperienze in rifugio'' rilancia le proprie ambizioni. Sat: ''Aperti a nuove proposte e idee per ampliare il numero di rifugi aderenti''

E’ opinione di tutti i soggetti coinvolti tra Sat, rifugi, cooperative sociali e Federcoop, che si tratta di un progetto che ha dato forti stimoli e costruito relazioni autentiche, una strada sulla quale proseguire, magari ampliando il numero delle strutture ospitanti 

Pubblicato il - 01 dicembre 2019 - 22:35

TRENTO. Sono sette i rifugi Sat che durante l’estate 2019 hanno aderito al progetto "Esperienze al rifugio(Pernici, Stivo-Marchetti, Casarotta, Val di fumo, Segantini, Peller Altissimo), mentre le cooperative sociali coinvolte sono quattro tra Kaleidoscopio, il Cerchio del Fare Assieme, Punto d’Incontro, Gruppo 78 Ala.

 

L’iniziativa consiste nell’organizzare giornate di stage formativo/lavorativi rivolti a persone portatrici di disagio mentale e assistiti dalle cooperative, o associazioni trentine operanti nell’ambito del sociale e ha come obiettivo la realizzazione di circa 25 stage formativo/lavorativi.

 

Il progetto è reso possibile grazie al sostegno della Federazione delle Cooperative Trentine, che ha concesso il proprio patrocinio, finanziando totalmente l’iniziativa. "La Sat ha grandi potenzialità per ampliare queste iniziative – hanno sottolineato la presidente della Sat, Anna Facchini, e il consigliere centrale Claudio Colpo – se qualcuno ha proposte e idee. Il nostro sodalizio crede fermamente in questi momenti che alla fine di ogni esperienza lasciano un arricchimento di relazioni importante, sia per chi frequenta, che per chi ospita".

 

Presenti quasi tutti i gestori dei rifugi aderenti al progetto che hanno tracciato un bilancio positivo della loro esperienza. Tutte le persone ospitate in linea di massima desiderano tornare in rifugio il prossimo anno. Un dato che ha rallegrato Italo Monfredini di Fedeecoop il quale ha espresso la disponibilità della Federazione a proseguire nel sostegno a questa idea che ha definito particolarmente adatta a costruire rapporti soddisfacenti e duraturi.

 

Anche le cooperative sociali che hanno sostenuto l'iniziativa  erano quasi tutte presenti, ed hanno rimarcato quanto sia utile per le persone affette da disagio mentale affrontare una esperienza in mezzo alla gente. La maggior parte già lavora nelle strutture insieme ad altri, ma il contatto con gli escursionisti, con il personale del rifugio e con panorami per loro anticonvenzionali è fonte di intensi momenti di appagamento fisico e mentale.

 

Ma come si svolgono nella pratica queste giornate di stage che al momento riguardano una ventina di partecipantiLa prima giornata è dedicata alla salita al rifugio, alla ambientazione e alle illustrazioni relative alle caratteristiche del rifugio e delle attività da svolgere. Nella seconda e nella terza giornata vengono svolte le attività lavorative per 5/6 ore giornaliere. Le persone oggetto dello stage si occupano della reception, della sala, del bar, o dell’aiuto nel riassetto delle camere, di piccoli lavori di manutenzione, secondo le proprie possibilità, inclinazioni, o preferenze.

 

La quarta giornata si completano le attività lavorative e la chiusura dello stage con il ritorno a valle. Al termine di ogni singolo "stage formativo" il soggetto interessato viene ricompensato per il lavoro svolto con una retribuzione determinata e pagata, assolvendo il gestore da ogni e qualsiasi obbligo finanziario, o da altri eventuali obblighi e incombenze. Il progetto è stato ideato e viene condotto grazie al coordinamento di Claudio Colpo, consigliere centrale Sat responsabile del Gruppo di lavoro "Montagna per tutti" e da Sara Foradori del Centro Salute Mentale di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 05:01

I vertici delle Stelle alpine redigono un documento (all'interno in forma completa) per chiarire un futuro che guarda fino alle prossime provinciali. I paletti per un dialogo sembrano stringenti più per il carroccio che per gli ex alleati. "Differenziarsi dalle visioni dei partiti nazionali e in antitesi ai partiti centralisti, nazionalisti, anti europeisti e a quei leader nazionali che vedono nel Trentino una terra di conquista"

06 dicembre - 10:58

Gli impianti di videosorveglianza, pubblici e privati presenti in zona, hanno permesso di individuare l’autovettura dei due rapinatori. La donna faceva da "palo" mentre il marito bloccava le persone e le minacciava con un coltello 

06 dicembre - 10:17

E' successo nelle prime ore di questa mattina. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco i soccorsi sanitari con l'elicottero e il soccorso alpino. L'uomo ha riportato gravi ferite agli arti inferiori

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato