Contenuto sponsorizzato

Un aneurisma al nono mese di gravidanza. La storia di Samantha: ''Avevo il 2% di probabilità di farcela, sono una miracolata''

Tre anni fa la rottura di una malformazione artero-venosa in testa: Todeschi è stata salvata al Santa Chiara dall'equipe del dottor Franco Chioffi. Racconta: ''Paura, ma un angelo custode mi ha protetta"

Pubblicato il - 01 gennaio 2019 - 05:01

TRENTO. È una storia di amore e di coraggio quella di Samantha Todeschi e della sua famiglia. Anche se lei non si riconosce in questa seconda definizione: "Io pensavo solo a guarire in fretta". Al nono mese di gravidanza ha riportato una rottura di un aneurisma, ma per fortuna ora lei e la sua bimba stanno bene. "È stato un miracolo", racconta.

 

Da quei concitati momenti sono passati tre anni. "Ero incinta della mia bambina, Anna, all'ultimo mese - racconta Samantha - Era il giorno dell'anniversario del nostro matrimonio, mio e di Andrea, ed anche il compleanno dei quarant'anni di mio cognato. Eravamo usciti a festeggiare e quando siamo rientrati a casa la sera mi sono andata a riposare, poi ho deciso di preparare la cena, ma non ci sono riuscita: mi sono accorta subito che qualcosa non andava perché avevo dei forti mal di testa e la visione disturbata".

 

Samantha e il marito hanno deciso di chiedere aiuto: "Abbiamo chiamato i soccorsi, ma poi abbiamo deciso che era meglio correre al Santa Chiara con i nostri mezzi. Il mal di testa aumentava e ero incinta. Siamo partiti da San Michele, dove abitiamo, e ci siamo fiondati a Trento. Sono stata subito presa in carico nel reparto di Ostetricia e ginecologia dalla dottoressa Chiara Del Pezzo e da Lucia Scoz, che è tra l'altro una nostra parente. Loro si sono rese conto immediatamente che qualcosa non andava e mi hanno fatto fare una radiografia alla testa".

 

I dolori erano fortissimi, ricorda Samantha: "Avevo forti dolori alla testa, soprattutto a un occhio, non vedevo bene. Quando sono arrivata in ospedale ero anche incosciente, i valori però erano nella norma e alle domande rispondevo in maniera corretta".

 

Quando è arrivata la diagnosi è scattato "l'allarme": "Mi hanno detto che avevo una rottura di una malformazione artero-venosa alla testa. Un aneurisma, in sostanza. La malformazione era probabilmente lì dalla nascita e io non lo sapevo".

 

I medici si sono mossi molto in fretta, ricorda Samantha: "La mia bimba è stata fatta nascere alle 23.30 di quella sera, lei rischiava, ma rischiavo di più io. Quando me lo hanno detto ho subito detto: "Salvate la mia bambina, per me era la cosa più importante in quel momento". Coraggio? "No - dice Samantha - nei momenti di disperazione, quando succedono queste cose, reagisci".

"Dopo il cesareo sono stata messa in coma farmacologico e poi operata dal dottor Franco Chioffi (il direttore dell'Unità operativa di Neurochirurgia, ndr), dal dottor Francesco Corsini e dalla equipe del dottor Chioffi - spiega Samantha - Le prospettive di vita che avevano dato a mio marito erano del 2% di possibilità di tornare quella che ero. Andrea ha passato proprio un brutto momento, perché ha visto nascere la nostra bambina e poi è arrivata la paura di perdermi".

 

L'intervento per fortuna è andato bene: "Ora bacio la terra dove cammino. Tutto è successo il 15 giugno, che per me ora è il giorno della resurrezione. Ogni anno festeggio il compleanno di Anna e poi passo in ospedale a ringraziare chi mi ha salvato la vita".

 

La convalescenza è stata dura, ed è iniziata con 15 giorni di ricovero nel reparto di Terapia intensiva, nella Stroke unit e in Neurochirurgia. "Quando la situazione si è stabilizzata sono stata trasferita nel reparto di Ostetricia e ginecologia - ricorda la protagonista di questa storia - Sono stata però sette giorni senza vedere la mia bambina: quando me l'hanno portata in Neurochirurgia è stata una gioia infinita. È vero che mio marito mi attaccava le sue foto ai piedi del letto, ma io non volevo perché la volevo vedere dal vivo. Continuavo a ripetermi: "Io da questo letto mi alzo"".

 

Una motivazione fortissima: "La mia bimba che mi aspettava mi ha spronata a voler guarire. Anche i medici mi hanno detto che la guarigione è stata davvero celere. Io avevo una spinta a farlo. Avevano anche il timore che potessi rifiutare Anna, ma per me non esiste, è la gioia più grande della mia vita. Una volta dimessa dall'ospedale abbiamo passato tre mesi di fuoco, con la bimba piccola la situazione era complessa perché io dovevo riposare. Ci è voluta davvero tanta tantissima pazienza, ho dovuto sopportare tanto. Ora ci rido sopra, ma non è stato facile. Mio marito è la persona più paziente al mondo".

 

Ora la famiglia è felice, Samantha è tornata a insegnare alla scuola materna e a godersi i suoi affetti: "Abbiamo avuto fortuna, soprattutto pensando a quello che sarebbe potuto succedere - dice Samantha - Dico sempre che c'era un angelo custode che ci guardava e che ci ha protetto. È stato un miracolo. Un fulmine a ciel sereno che nessuno si aspettava, ma qualcuno dal Cielo ha guardato giù".

 

Samantha ci tiene a ringraziare chi la ha aiutata e sostenuta nel momento più buio: "Del Santa Chiara ringrazio davvero tutti, dai medici, agli infermieri, agli operatori sanitari. Mi hanno guarita con un intervento repentino e coccolata per tutto il tempo che sono rimasta lì. Anche Anna era la bimba più coccolata della nursery. E poi ci sono state anche le nostre famiglie, senza le quali non ce l'avremmo fatta al rientro, e le mie care amiche che mi hanno sostenuta quando avevo bisogno di parlare o di un momento d'evasione".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 09:25

Andrea Villotti oltre ad essere il numero uno della società che si occupa di gestire il patrimonio immobiliare degli enti pubblici del Trentino (che, però, non pubblica il suo curriculum vitae nonostante i termini siano scaduti per l'Anticorruzione) è direttore emerito del Milton Friedman Institute e all'indomani del dpcm di Conte il suo direttore esecutivo ha comunicato che: ''Il nostro Istituto inizierà una incessante campagna per la disobbedienza fiscale al fianco di tutti quegli imprenditori colpiti da queste assurde misure che minano la convivenza civile''

27 ottobre - 09:38

Continuano a crescere i nuovi casi di Coronavirus in provincia di Belluno. Nelle ultime 24 ore sono ben 113 i contagi registrati, per un totale che così arriva a 1329 persone attualmente infette. Tanti, ancora, i decessi: sono 3, di cui 2 avvenuti nell'ospedale San Martino e 1 a Feltre

26 ottobre - 18:38

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato