Contenuto sponsorizzato

Un incontro all'Università per approfondire la cultura cinese e il liquore Baijiu delle elite politica e religiosa

Questa l'iniziativa organizzata da Ateneo, Istituto Jean Monnet e Associazione culturale Isa per martedì 14 maggio alle 17.30 all'Aula Kessler del Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale dell'Unievrsità di Trento

Pubblicato il - 11 maggio 2019 - 20:37

TRENTO. Una conferenza per scoprire un simbolo della cultura cinese, il liquore Baijiu. Questa l'iniziativa organizzata da Ateneo, Istituto Jean Monnet e Associazione culturale Isa per martedì 14 maggio alle 17.30 all'Aula Kessler del Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale dell'Unievrsità di Trento

 

Tra i relatori ci sono Marco Brunazzo, docente dell'Università di Trento, per raccontare la cultura e la storia del consumo di alcolici in Cina, Giovanni Goffredo, segretario esecutivo Istituto Confucio di Venezia per parlare di "Chinese Market and Business Culture", Maria Milford, excecutive director Mrm Consulting and Services di Bratislava, Luca Barbieri di Moutai Italia e l'Associazione cinese Trentino.

 

Il Baijiu (pronunciato "bye-joe") significa letteralmente “liquore chiaro", è una categoria di almeno una dozzina di liquori cinesi a base di grano. Il Baijiu è il tipo di spirito più consumato al mondo, oltre 10 miliardi di litri di baijiu sono consumati ogni anno.

 

Questa bevanda è anche conosciuta come samshu e baigan, mentre nella Cina imperiale era chiamato shaojiu o"vino bruciato". Una qualità che è comune a tutti i premium baijiu è una gradazione alcolica del 50% o più, le prime tracce conosciute della produzione di alcol provengono da Jiahu, in Cina, dove la gente ha iniziato a produrre vino con riso, miele e frutta 9.000 anni fa.

 

L'alcol era considerato un lusso nell'antica Cina, era usato dall'élite politica e religiosa per entrare in comunione con il mondo degli spiriti, come parte di vari riti, durante importanti banchetti di stato e come regalo prestigioso. 

 

Il Baijiu ha una storia verificabile di oltre 600 anni, ma una varietà di documenti storici indica che è stato al centro della cultura cinese per molto più tempo. Alcuni studiosi suggeriscono che elementi di ciò che costituisce il baijiu di oggi esistano da oltre 2000 anni. Baijiu è distinto da Brandy, Scotch Whisky e Vodka a causa del suo uso di lievito per distillazione durante il processo di distillazione. È anche l'unico ad utilizzare materiale a grana solida nel processo di fermentazione.

 

Il Moutai è considerato la varietà più nobile di Baijiu, non è solo un prodotto dalla fama leggendaria, è una parte intrinseca della storia e della cultura del regno di mezzo. Dalle poesie di Li Bai alla lunga marcia di Mao, fino alla futura nuova via

della seta. Ha origine in un luogo magico, una cittadina tra le montagne del Guizhou, Maotai, dove scorre il fiume Chishui.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 10:09

La candidata dell'alleanza di centrodestra ha ottenuto il 46,06% dei voti, battendo sul filo del rasoio Giulia Merlo (41,14%), candidata dell'Alleanza democratica autonomista. M5S, a Lorenzo Leoni il 12,80% dei voti

27 maggio - 09:46

Al partito di Salvini 95.187 preferenze, il Pd secondo con il 25,21% e 63.580 voti. Il M5S perde una posizione e 6,7 punti percentuali rispetto alla tornata elettorale del 2014, più 28,7 punti per la Lega

27 maggio - 08:44

La candidata dell'Alleanza Democratica Autonomista, Cristina Donei, si è fermata al 35,99%.  Sarà quindi Sutto per il centrodestra a sostituire Maurizio Fugatti nel seggio alla Camera dei Deputati 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato