Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la Svezia (senza lockdown) registra il più alto tasso di mortalità in Europa e supera Regno Unito, Italia e Spagna

Il paese scandinavo, che ha sempre optato per una linea più morbida nella lotta all'epidemia, nell'ultima settimana (dal 12 al 19 maggio) ha registrato una media di 6,3 morti al giorno per ogni milione di abitanti. Il Regno Unito, nei giorni più bui, registrava un tasso di 5,8 mentre l'Italia di circa 5,5 (nell'ultima settimana, nel nostro paese, questo dato è sceso a 2,9)

Pubblicato il - 21 maggio 2020 - 12:42

STOCCOLMA. Nell'ultima settimana, in Svezia, si è registrato un aumento esponenziale delle morti legate a Covid-19 che ha portato il paese scandinavo ad avere il tasso di mortalità più alto in Europa. 

 

I dati, diffusi dal Financial Times (che da settimane tiene statistiche sul contagio QUI) e dalla piattaforma Our World in Data (QUI), mostrano come nell'ultima settimana (dal 12 al 19 maggio), ogni giorno, si siano registrati circa 6,3 morti su un milione di abitanti. Un dato, questo, che supera quello raggiunto dagli altri paesi europei nella stessa fase dell'epidemia nella quale si trova ora la Svezia. Il Regno Unito, che prima della Svezia aveva la mortalità più alta, nei giorni più bui contava circa 5,8 morti ogni milione di abitanti. In Italia, nel picco dell'epidemia, si era raggiunta una media di 5,5 decessi (nell'ultima settimana questo dato è calato a 2,9).

 

Grafico Financial Times
Grafico Financial Times

 

La Svezia, insomma, ha superato tutti gli altri paesi europei nel rapporto tra numero dei morti e popolazione ma non sembra aver cambiato idea sulle modalità di contenimento della pandemia. Il paese, infatti, sin dall'inizio, ha optato per una linea più morbida: non è stata imposta nessuna particolare restrizione ai movimenti dei cittadini, e sono rimaste aperte molte scuole così come ristoranti, negozi e attività commerciali. Stoccolma si è affidata, soprattutto, al senso di responsabilità individuale attirandosi le critiche di opinione pubblica e comunità scientifica. I sostenitori di quest'approccio, dal canto loro, sostengono che i risultati di queste scelte si vedranno sul lungo periodo. 

 

Va però notato che, durante le settimane precedenti, la Svezia registrava sì un numero di morti (rapportato agli abitanti) inferiore rispetto ad altri paesi quali Regno Unito, per l'appunto, Italia, Spagna ecc. ma, comunque, superiore a quello dei vicini paesi nordici (Danimarca, Norvegia e Finlandia, simili per abitudini sociali) che, invece, avevano optato per un lockdown più restrittivo. 

 


Grafico Our World in Data
Grafico Our World in Data

 

Secondo i promotori della strategia svedese il lockdown imposto dagli altri paesi ha, e avrà, ripercussioni disastrose sul sistema economico ed è, per questo, insostenibile. Intanto, però, nel paese guidato dal premier socialdemocratico Stefan Löfvengià, già da aprile le morti hanno iniziato ad aumentare. Ad oggi, secondo i dati della John Hopkins University, il Paese ha registrato 31.523 contagi e 3.831 morti. Bastano questi numeri (e l'impennata dell'ultima settimana), secondo gli esperti, per capire che la strategia soft messa in campo dal governo svedese ha fallito .

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 maggio - 06:01

Sono 35 le aziende che in queste ultime tre settimane hanno scelto di sottoporre i propri dipendenti al test sierologico. Azelio De Santa: "Le aziende investono su questo strumento di indagine, ed è giusto che ricevano un riscontro efficiente da parte dell'Azienda sanitaria. Nella fase-2 e nella fase-3, infatti, l'obiettivo sarà quello di localizzare velocemente i focolai e gestirli in modo veloce e efficace. Serve chiarezza"

30 maggio - 09:20

Ieri sera il vertice di Governo. Dopo quasi tre mesi dal 3 giugno sarà possibile tornare a muoversi liberamente in tutta Italia. I dati continueranno comunque essere monitorati molto attentamente dal Governo e il ministro Boccia nelle prossime ore sentirà i vari presidenti delle regioni 

30 maggio - 08:39

Sono arrivati con 14 mezzi i vigili del fuoco da tutto il Veneto per spegnere le fiamme che hanno devastato l'azienda a Valbrenta. Sul posto anche i tecnici dell'Arpav per verificare le condizioni dell'aria vista le alte colonne di fumo e le forze dell'ordine per ricostruire quello che è successo 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato