Contenuto sponsorizzato

Cura del giardino: 5 consigli pratici

Tra piante in fiore, cene tra amici e prodotti da coltivare, con la bella stagione è importantissimo attrezzarsi al meglio per prendersi cura del proprio giardino. Ecco tutto quel che c'è da sapere

Pubblicato il - 15 giugno 2020 - 12:20

TRENTO. L’estate è la stagione perfetta per prendersi cura del proprio giardino. Tra piante in fiore, cene tra amici e prodotti da coltivare, con la bella stagione è importantissimo attrezzarsi al meglio per prendersi cura del proprio giardino.

 

La pompa per l’irrigazione

Uno degli attrezzi principe per la cura del giardino è la pompa per irrigazione. L'acqua è la nostra fonte di vita, necessaria per la crescita delle piante, per la cura dell'orto e per l'irrigazione del giardino o del campo. La pompa per irrigazione serve a dare velocità, quindi pressione, all’acqua aspirata da una fonte idrica per trasportarla a distanza e farle superare eventuali dislivelli del terreno. Quale può essere questa fonte? Una vasca o un serbatoio per la raccolta dell’acqua piovana, il troppo pieno di un laghetto artificiale, un canale oppure un pozzo.

 

La pompa per l’irrigazione del giardino o dell’orto è, dunque, il cuore di un sistema: l’impianto di irrigazione. Un sistema con cui, attraverso delle tubazioni, porti l’acqua da un punto (dov’è la fonte idrica) a un altro e la distribuisci alle piante per mezzo di una semplice pistola per innaffiare oppure di una rete di irrigatori, interrati o fuoriterra. Tra questi ultimi, i più conosciuti sono gli irrigatori a goccia e quelli per l’irrigazione a pioggia.

 

Il manto erboso

Una delle parti più belle, ma anche da curare diligentemente, è il manto erboso. Il tosaerba è, a riguardo, un attrezzo fondamentale. La migliore abitudine è quella di dare al tosaerba una spazzolata dopo ogni uso. In caso contrario, il pacciame umido di erba calda può fondersi con le lame e l’interno del corpo della falciatrice. Ciò renderà più difficile il lavoro di taglio. Per pulire il tosaerba bisogna sempre scollegare la macchina dall’alimentazione, quindi ruotare il tosaerba su un lato.

 

Cosa fare contro parassiti e malerbe?

Succede anche al miglior giardiniere di veder sbucare, tra una pianta nuova e la sua vicina, una terza incomoda: la malerba. Il miglior consiglio è di eradicarla immediatamente prima che diventi grande. Se la lasciate fiorire spargerà i suoi semi e si diffonderà rapidamente. Zappando la superficie romperete le radici della pianta infestante. Se lo fate in una giornata di sole questa seccherà rapidamente.

 

I parassiti

Come proteggere fiori e ortaggi? Il modo più semplice è creare delle barriere che impediscano ai parassiti di insinuarsi tra le vostre piante. Potete ricorrere alla vostra creatività oppure alle soluzioni disponibili nei centri di giardinaggio. Reti a maglie fitte, tessuti protettivi, recinzioni di plastica e fioriere rialzate sono le soluzioni migliori per garantire che il raccolto vada a chi se lo è guadagnato: voi stessi.

 

La sistemazione delle piante

Non tutte le piante vanno d’accordo tra di loro, alcune invece si completano vicendevolmente. Con una coltura mista potete raggiungere la massima armonia nel vostro giardino. Si ha una coltura mista quando piante differenti condividono la stessa aiuola (al contrario, si ha una monocultura quando piante differenti sono separate e crescono in aiuole diverse). Il vantaggio di una coltura mista è che le piante si sostengono vicendevolmente nella crescita e si proteggono dai parassiti. Se c’è intesa tra due piante e se è possibile organizzare una coltura mista dipende dai loro metaboliti, che influenzano in modo positivo o negativo la crescita di entrambe.

 

E in inverno? Il clima di maggio può essere dannoso per le piante del giardino? La risposta è affermativa: a inizio maggio le temperature possono scendere drasticamente e non sono da escludere fenomeni di gelo che potrebbero nuocere alle vostre piante da giardino e da balcone. Ogni anno variano le date in cui possono presentarsi le tipiche gelate di maggio. Per evitare ogni problema, vi consigliamo di travasare le piantine degli ortaggi e dei fiori estivi una volta passati questi giorni di potenziale gelo, quando le temperature esterne non costituiranno più una minaccia.

 

Per garantire la sopravvivenza delle proprie piante in inverno è bene coprire quelle più delicate e trasferire al riparo vicino ai muri esterni della casa o in garage quelle in vaso. Le piante estremamente sensibili al freddo possono anche essere portate in un centro di giardinaggio. Informatevi sulle offerte nella vostra zona. E non dimenticate che anche d’inverno le vostre piante hanno bisogno di essere innaffiate di tanto in tanto. Lasciate nell’aiuola le foglie cadute poiché fungeranno da protezione antigelo naturale. Rimuovetele solo in primavera in modo che le piante abbiano spazio per crescere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato