Contenuto sponsorizzato

Il presidente del Mart Sgarbi insulta pesantemente Barbara D'Urso. Lei sconsolata: ''Sei così cafone che puoi restare qui ma io ti ignoro''

Dai classicissimi ''Capra, incapace. Vai a fare in c..o tu e la tua vita inutile" ai ''Vai via tu, io non me ne vado''. Questa l'immagine data dal numero del Museo di arte contemporanea e moderna di Trento e Rovereto in prima serata su Canale 5 che oggi annuncia: ''La querelo''

Pubblicato il - 24 febbraio 2020 - 17:55

TRENTO. ''Vaff..o, hai rotto il ca..o. Vai via tu, io non me ne vado. Non ti devi permettere di farmi delle prediche". E poi i classicissimi: ''Capra, incapace. Vai a fare in c..o tu e la tua vita inutile". Il presidente del Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto ieri sera è stato protagonista dell'ennesima rissa televisiva.

 

 

 

 

Questa volta ha detto di tutto a Barbara D'Urso durante la trasmissione da lei condotta in prima serata su Canale 5. E la litigata è partita da delle allusioni fatte da Sgarbi su ipotetiche raccomandazioni ad opera di Silvio Berlusconi per alcune delle presenti in studio: prima la ''pupa'' Stella Manente; poi la stessa Barbara D'Urso che a quel punto ha tentato di replicare con una contro battuta.

 

A quel punto è cominciato un attacco furibondo di Sgarbi alla presentatrice che ha dovuto dirgli: "Allora Vittorio, finché si scherza si scherza, ma poi quando si mette in causa me allora mi arrabbio". Apriti cielo e anche alle richieste della conduttrice rivolte al numero uno del Mart di Trento e Rovereto di andarsene, questi si è opposto in tutti i modi e la vicenda si è chiusa con un ''sei così cafone...che sai cosa faccio? Resta lì con il tuo smartphone, io ti ignoro''.

 

Lui oggi annuncia: ''Talmente maleducata che la querelo''.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 25 gennaio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
26 gennaio - 11:56
Con l’istituzione del Codice rosso sono aumentate anche le denunce per violenza di genere e sui minori, che sono sempre più spesso vittime della [...]
Cronaca
26 gennaio - 11:59
Durante le fasi d'arresto, non sono mancati i momenti di tensione, il giovane infatti ha opposto resistenza
Cronaca
26 gennaio - 16:03
Il 61enne da un anno e mezzo lottava contro le complicazioni causate da una puntura di zecca. Ricoverato all'ospedale di Belluno era riuscito a [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato