Contenuto sponsorizzato

Trasformazione digitale e smart working, il primo libro di Matteo Scarpari: ''Il prossimo anno in Trentino farò partire una accademia per i futuri manager''

Cambiamento climatico e coronavirus impongono nuove riflessioni al modello d'impresa. Esperto e professionista, il 34enne si chiede in "Un nuovo business è possibile?" (Aracne edizioni) se sia possibile "rovesciare" le normali logiche di business e profitto per mettere le persone al centro di un'azienda. Scarpari: "Il volume attraversa le grandi innovazioni della nostra epoca"

Di Luca Andreazza - 16 giugno 2020 - 18:15

TRENTO. Digital transformation e smart working, responsabilità sociale, sfide e innovazioni da mettere in campo nel settore delle risorse umane per un nuovo modello di impresa intelligente. Questi gli argomenti che vengono approfonditi in "Un nuovo business è possibile?", opera prima del trentino Matteo Scarpari. Temi resi ancor più centrali a causa dell'epidemia Covid-19.

 

"Non solo - dice Scarpari - anche i Fridays for future hanno spostato l'attenzione sui temi che riguardano la sostenibilità, la responsabilità e la digitalizzazione, aspetti diventati sempre più importanti. Le persone sono un fattore sempre più strategico e decisivo per muoversi in questa direzione, nelle nostre case ma anche nelle organizzazioni: il libro mette in collegamento la funzione Hr a queste direttrici per dare vita a un nuovo business: vincente ma più 'umano' e etico".

 

Esperto e professionista, il 34enne si chiede nella pubblicazione edita da Aracne di Roma se sia possibile "rovesciare" le normali logiche di business e profitto per mettere le persone al centro di un'azienda. "Il volume - commenta - attraversa le grandi innovazioni della nostra epoca fino alla trasformazione digitale, il welfare aziendale e la vocazione sociale d’impresa per offrire idee e spunti di riflessione per una gestione delle risorse umane efficace ed evoluta".

 

Il libro prende spunto dall'esperienza diretta e dai numero casi che in questi anni gli si sono presentati davanti nel corso della carriera lavorativa. "Compito di un Hr specialist - spiega l'autore di "Un nuovo business è possibile?"- è quello di salvaguardare la componente umana nei processi aziendali e adoperarsi in tutti i modi per valorizzare il lavoratore. Questa funzione non si occupa più solo di 'amministrare' le persone come in passato, ma si occupa di formazione, sviluppo e benessere. Questo libro scaturisce dalla passione per questo lavoro".

 

Il trentino si è diplomato al Liceo scientifico Galileo Galilei e si è laureato in filosofia e linguaggi della modernità all'Università di Trento. E ancora ha conseguito un master di specializzazione in "Selezione, formazione e sviluppo delle risorse umane", così come un master executive in "Human resource management".

 

Lavora dal 2016 come Hr specialist nell’ambito formazione, sviluppo e welfare management nella società Autostrada del Brennero, mentre nel 2020 ha ha fondato la start up Smartitude e aperto "Passione formazione" (Qui info), una pagina nella quale condivide contenuti interattivi nell'ambito risorse umane.

 

Quella dell'Hr specialist è una figura professionale altamente specializzata, incaricata di seguire le risorse in maniera singola in tutti i processi tra selezione e permanenza all’interno di una realtà aziendale. "A questo operatore - prosegue Scarpari - spetta il compito di unire gli interessi dell’impresa con quelli del lavoratore. Tra le mansioni ci sono quelle di ricerca del personale, gestione del colloquio di lavoro e assunzione e monitoraggio delle attività. In generale la gestione delle relazioni tra risorse umane e azienda. E' sempre più importante assicurarsi poi che i dipendenti vengano valorizzati in tutti i processi aziendali".

 

Processi della digitalizzazione e ricorso alla frontiera dello smart working che hanno subito un'accelerazione in questo periodo coronavirus. "Un modo intelligente e sostenibile per rimodulare il lavoro, anche in termini di conciliazione vita-lavoro e ambientale. Uno smart worker - continua l'autore - in media non percorre 69 chilometri in auto o mezzi, risparmia 29 euro e guadagna 89 minuti, riduce del 58% malattie e infortuni e non emette 7 chili di anidride carbonica. Si dovrebbe fare in modo di mantenere questa traiettoria".

 

Ma il 34enne non si ferma qui. In cantiere c'è un prossimo libro e un'altra novità. "Il futuro è quello di una visione nuova di impresa che può restare vincente e competitiva se riesce a trovare un equilibrio per valorizzare nuove tecnologie e capitale umano. Un'azienda è chiamata a diventare più matura e responsabile, capace di coniugare i vantaggi della trasformazione digitale con la vocazione sociale dell'azienda. L’intento è offrire formazione ai lavoratori e alle aziende, nonché consolidare a livello locale queste prassi. In arrivo per il 2021 anche la prima Hr Academy in Trentino per giovani studenti interessati al mondo delle risorse umane: un valido strumento di inserimento lavorativo e la possibilità di fornire ai manager di domani strumenti gestionali efficaci", conclude Scarpari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato