Contenuto sponsorizzato

Una Fiat 500 del '73 restaurata. Le storie di Tullio e Matteo uniti dalle auto d'epoca: ''Tutto iniziato da un garage lasciato aperto''

Matteo Tonini, 35enne della Valfloriana, colleziona auto d'epoca. "Sono stati mio padre e mio fratello a trasmettermi questo amore ma la mia passione è nata da un episodio particolare di quando avevo 18 anni". L'ultima auto acquistata da Matteo è una Fiat 500 del '73 restaurata da Tullio Tessadri: "Ci sono volute cento ore di lavoro"

Di Alessio Pepa - 16 febbraio 2020 - 19:40

VALFLORIANA. "La mia passione per le auto d’epoca è iniziata a diciott'anni. Stavo passeggiando per strada quando ho visto una 500 dentro un garage aperto”, racconta Matteo Tonini 35enne, collezionista e appassionato d’auto d’epoca.

 

Matteo, quel giorno, non era ancora patentato. “Quando ho preso la patente – continua Matteo- ho potuto finalmente guidare una 500 e da quel giorno è iniziata la mia grande passione e ho cominciato la mia speciale collezione”.

 

Negli anni Matteo Tonini è riuscito così a raccogliere cinque auto: due 500 (una L e l’altra giardiniera) e tre Haflinger Steyr. “Nella mia famiglia sono tutti appassionati di auto d’epoca, soprattutto mio padre e mio fratello. Sono stati proprio loro a trasmettermi questo amore”.

 

Tutte le auto si trovano nel garage di Matteo in Valfloriana ma, prima di arrivare lì, sono passate sotto le mani di Tullio Tessadri, titolare dell’omonima carrozzeria di Montesover cui Matteo affida sempre le proprie amate vetture.

 

Tullio, proprio nei giorni scorsi, ha postato su Facebook uno dei suoi ultimi lavori che ha visto protagonista una vecchia fiat 500 del ‘73 affidatagli proprio da Matteo Tonini.

 

 

“L’auto – come spiega Matteo Tonini - doveva entrare a far parte della mia collezione, spesso sono io stesso a procurarmi la maggior parte dei pezzi su internet o in specifiche fiere di scambio. Dopo essermi procurato tutti i pezzi necessari, mi appoggio al mio amico Tullio per il restauro”.

 

Questa volta Tullio Tessadri e la sua officina si sono occupati dell'ultima arrivata in casa Tonini: una fiat 500 del ’73. L’auto aveva problemi alle marce, la vernice sbiadita, gli interni malridotti e delle ammaccature a causa di un tamponamento.

 

“Il nostro lavoro – ci racconta il carrozzierie Tullio Tessadri - è durato circa cento ore ed è partito dal telaio, vecchio e arrugginito, della 500 fino ad arrivare a un restauro completo con pezzi tutti originali. Il restauro è stato svolto minuziosamente con l'aiuto di mio fratello Danilo e del cognato Dino. Abbiamo eseguito una ricostruzione della tappezzeria, una completa riverniciatura e un rifacimento della struttura generale dell’auto con motore e pneumatici tutti originali.

 

La carrozzeria ha già svolto molti di questi lavori e Tullio e i suoi colleghi sono dei veri esperti in questo ambito. Poco tempo fa, per esempio, Tessadri ha restaurato completamente una 500 giardiniera che ha poi partecipato a un concorso dell’Asi (Associazione auto storiche italiane). In questo concorso il lavoro di restauro di ogni partecipante viene premiato da una commissione scelta, con una targa che a seconda del suo colore ne giudica la professionalità e la bellezza.

 

Ora la carrozzeria può aggiungere un altro gioiello alla collezione (già nutrita) di Matteo Tonini. La loro storia dimostra come una passione possa nascere anche da un semplice
garage, lasciato aperto.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

29 ottobre - 09:17

Nell'ordinanza numero 50 del governatore Fugatti ci sono delle indicazioni di modifica al protocollo ristoranti e pubblici esercizi. Ai tavoli si possono sedere quattro persone al massimo a meno che non siano conviventi 

29 ottobre - 08:10

L'uomo aveva 50 anni ed era originario di Marco. L'incidente è avvenuto attorno alle 13 di ieri quando Thomas in A22 stava rientrando con il furgone dopo una consegna. Inutili purtroppo i tentativi di salvarlo 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato