Contenuto sponsorizzato

Il violoncello scolpito dal ghiaccio del Presena e restituito alle acque del mare a Palermo (VIDEO): la sua storia in un film, a Trento la prima proiezione

Il primo appuntamento con il docufilm “N-Ice Cello, storia del violoncello di ghiaccio” sarà il 20 ottobre a Trento, al Cinema Astra: il tour italiano proseguirà poi seguendo le tappe in cui lo strumento vero e proprio, realizzato dall'artista americano Tim Linhart con il ghiaccio del Presena per sensibilizzare l'opinione pubblica sui cambiamenti climatici e il degrado ambientale, è stato suonato dal violoncellista Giovanni Sollima, quindi Venezia, Roma e Palermo dove lo strumento è stato restituito alle acque del mare

Di F.S. - 17 ottobre 2021 - 10:12

TRENTO. Dal ghiacciaio del Presena in Trentino al mar Mediterraneo, un viaggio di oltre mille chilometri per sensibilizzare il pubblico sui cambiamenti climatici e il degrado ambientale: è questa la storia del violoncello di ghiaccio, realizzato nel 2018 dall'artista americano Tim Linhart, raccontata nel docufilm “N-Ice Cello” in proiezione il 20 ottobre a Trento, al Cinema Astra.

 

 

Il tour italiano del docufilm toccherà le tappe seguite dallo strumento vero e proprio quando, suonato da Giovanni Sollima, uno dei massimi interpreti e compositori del panorama internazionale, il violoncello era passato per Trento, Venezia, Roma e Palermo. Proprio nella città siciliana lo strumento di ghiaccio era stato riconsegnato al mare come testimonianza del valore assoluto dell'acqua sul pianeta Terra.

 

Il film, prodotto da Wasabi filmakers e NaturalMente ArtEventi per la regia di Corrado Bungaro con la collaborazione del Muse di Trento, è stato recentemente presentato in anteprima nazionale al Trento Film Festival 2021. Come detto, il docufilm racconta la storia del violoncello, dalla sua realizzazione tramite la mano sapiente dell’artista Tim Linhart che lo aveva creato dal nulla lavorando il ghiaccio del ghiacciaio Presena, all’incredibile tour che lo aveva accompagnato (in una cella frigorifera e non senza inconvenienti tecnici e colpi di scena) in tutta la penisola. Compagni di viaggio l’attore Patrizio Roversi, il puparo Mimmo Cuticchio e il giovane richiedente asilo Alpha Condé.

 

Per la prima proiezione è stata scelta proprio Trento (mercoledì 20 ottobre alle 21 al Cinema Astra), il docufilm arriverà poi a Venezia (mercoledì 3 novembre al Cinema Rossini), a Roma (con un evento dedicato in via di definizione) e poi a Palermo (dove sarà ospite dei Cantieri Culturali alla Zisa il 13 novembre al Cinema della seta alle 20 e 30). Alle serate sarà sempre presente l'autore e regista del film Corrado Bungaro per dialogare con il pubblico alla fine della proiezione, insieme ai protagonisti della storia. Un tour che avviene parallelamente alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop 26), programmata a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre 2021, di cui ha interpretato e anticipato in chiave artistica i temi.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 7 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
08 dicembre - 15:43
Sono stati analizzati 8.506 tamponi tra molecolari e antigenici e sono state individuate 255 positività. Nessun decesso ma c'è un [...]
Politica
08 dicembre - 13:53
Manica ha confrontato le due convenzioni per i concerti di Vasco Rossi: “Mentre il Comune di Modena aveva previsto delle forme di indennizzo che [...]
Cronaca
08 dicembre - 14:39
Il malfunzionamento è stato segnalato questa mattina da alcuni cittadini a ilDolomiti. Gpi, l'azienda che gestisce il Cup, si è messa subito al [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato