Contenuto sponsorizzato

"Per produrre una t-shirt vengono utilizzati circa 2.700 litri d’acqua". Parte la campagna "Vesti trasparente" sulla fast fashion per scoprire cosa c'è sotto i nostri vestiti

La campagna di comunicazione di Csv Trentino e degli studenti degli Artigianelli si pone come obiettivo di svelare le ombre della fast fashion e dell’industria dell’abbigliamento,  che da giovedì 12 maggio non passerà inosservata alle fermate degli autobus e in altri luoghi della città. Csv: "Sapevi che il salario medio mensile di una persona etiope che lavora nell’industria tessile è il più basso al mondo ed è di 24,74 euro al mese?"

Di F.C. - 12 maggio 2022 - 16:28

TRENTO. "Sai che per produrre una semplice t-shirt vengono utilizzati circa 2.700 litri d’acqua, pari al consumo di acqua di una persona in due anni e mezzo? E che il salario medio mensile di una persona etiope che lavora nell’industria tessile è il più basso al mondo ed è di 24,74 euro al mese? O, ancora, che ci sono diversi marchi del lusso italiano che non rivelano con trasparenza dove e come sono prodotti i vestiti?". Queste sono solo alcune delle questioni che affronta la campagna di comunicazione sociale "Vesti trasparente", ideata da Centro Servizi Volontariato Trentino. 

 

"Ci chiediamo troppo poco - dichiara Csv - quali sono i costi ambientali e sociali dei vestiti che compriamo e su chi ricadono; costi pesanti, spesso sottaciuti volontariamente". Tale campagna, realizzata con la classe 4A dell’Istituto Artigianelli per le Arti Grafiche di Trento, nell'ambito del progetto "La bellezza che salva", è stata possibile grazie alla collaborazione con la Campagna nazionale "Abiti Puliti", della cooperativa sociale di commercio equo Fair, e con l’Associazione Viração&Jangada.

Le 27 studentesse e studenti coinvolti hanno partecipato a un percorso di formazione per approfondire i temi menzionati, per poi mettere in campo le loro competenze di comunicazione e grafica ideando la campagna "Vesti trasparente", rivolta alla comunità e soprattutto alle nuove generazioni attraverso la promozione sui social. La campagna, che da giovedì 12 maggio di certo non passerà inosservata nelle pensiline delle fermate degli autobus e in altri luoghi della città, grazie anche agli scatti del fotografo Massimo Giovannini, vuole stuzzicare le abitudini delle persone interrogandole sulle loro scelte di consumo e il loro stile di vita.   

 

"Conosci ciò che indossi?" diventa quindi una domanda rivolta a tutte le persone che, distrattamente, non si preoccupano di come vengono prodotti i nostri abiti e soprattutto da chi e in quali condizioni. Ma ci sarà spazio anche per l’interazione perché i manifesti inviteranno le persone attraverso un Qr code a scoprire cosa c’è "sotto" i nostri vestiti.

 

Il progetto "La bellezza che salva" nasce tra il 2020 e 2021 a Trento, grazie a un partenariato guidato dal Csv, insieme a Lilt Trento, Fondazione Hospice Trentino Onlus e due scuole superiori con 11 insegnanti, il Liceo Artistico Vittoria e l'Istituto Professionale Centromoda Canossa. Con il coinvolgimento di 63 studenti e studentesse delle classi terze e quarte, sono stati ideati, disegnati e confezionati capi d’abbigliamento e accessori – felpe, T-shirt, foulards, borselli eccetera – per i loro coetanei e persone adulte affette da gravi malattie.

 

Un’esperienza di crescita che ha intrecciato volontariato, design e creatività e che ha avuto per protagonisti i giovani scesi in campo per aiutare i loro coetanei alle prese con una delle battaglie più difficili, quella contro il cancro. Un progetto, quindi, in grado di valorizzare il talento artistico e le competenze degli studenti nell’ideazione e creazione di prodotti di moda adatti ai bisogni dei pazienti oncologici. Di seguito il video di presentazione della prima edizione.

 

 

 

 

Per dare continuità a questo progetto, che ha avuto risonanza nazionale, tanto da arrivare a meritarsi la copertina di Buone Notizie, l’inserto settimanale del Corriere della Sera dedicato al Terzo settore italiano, per la seconda edizione sono stati coinvolti l’Istituto Pavoniano Artigianelli per le Arti Grafiche, l’Associazione Viraçao&Jangada, la Cooperativa Alpi (Redo Upcycling) di Trento, l’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente, Faircoop e la Campagna Abiti Puliti, parte di una rete globale (Clean Clothes Campaign). Mantenendo centrale il tema della moda giovanile, il progetto si è concentrato sull’impatto sociale, economico e ambientale della fast fashion e dell’industria dell’abbigliamento in generale, svelando i lati nascosti e poco conosciuti dei vestiti che indossiamo ogni giorno e delle conseguenze sui diritti umani e sul nostro Pianeta.

 

Per scoprire di più, l’appuntamento è a mezzogiorno del 19 maggio in sette piazze di Trento (Fiera, Dante, Duomo, Pasi, Lodron, Port’Aquila e Cristoforo Madruzzo) assieme alle studentesse e gli studenti, al Csv Trentino e ai referenti del partenariato.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato