Contenuto sponsorizzato

"Avvicinare i giovani alla montagna" continua l'impegno della Sat

Pronto un programma di uscite per bambini e ragazzi dagli 8 ai 17 anni 

Pubblicato il - 18 febbraio 2017 - 10:39

TRENTO. Rilanciare l'alpinismo giovanile con giochi all'aperto, osservazione del paesaggio, apprendimento della cultura della sicurezza, conoscenza di nuovi amici, orienteering e cartografia, osservazione della flora, scoperta della segnatura dei sentieri, pernottamento in ambiente e tanto altro.

 

Questo l'obiettivo che si è posta la Sat del Trentino che si propone di avvicinare i giovani, dagli 8 ai 17 anni alla montagna nel modo più naturale e interessante possibile.

 

La proposta è quella di un programma variegato accessibile a tutti. I ragazzi saranno accompagnati da persone maggiorenni, molte delle quali hanno già frequentato corsi di formazione tecnica e pedagogica. Inoltre, se necessario, verremo supportati nelle diverse attività da alcuni esperti.

 

La prima uscita si terrà domani con una giornata sulla neve del Bondone dove verrà effettuata una ciaspolata e dei giochi inerenti la sicurezza sulla neve.

 

Gli altri appuntamenti saranno il 3 marzo con una visita in grotta accompagnati dal gruppo Speleo di Lavis, il 9 aprile una ferrata, il 28 maggio l'uscita canyoning al Vajo dell'Orsa -Brentino (vr) con la Guida Alpina Massimo Faletti. Dal 7 al 9 luglio si terrà il trekking ripercorrendo una parte del sentiero San Vili mentre il 25 settembre l'appuntamento è con l'esperta micologa Eleonora Tancredi

 

Per partecipare all'attività o per maggiorni informazioni basta inviare una mail all'indirizzo ag.sattrento@gmail.com o passare in sede della sezione Sat in via Manci 57, Trento

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 04:01

In Trentino il turismo è un settore strategico, pesa per il 20% del Pil provinciale, il periodo di Natale e Capodanno vale un terzo della stagione invernale e il "buco" in caso di chiusura tout-court viene valutato in 1 miliardo. Un danno che si aggiunge alla primavera cancellata e l'estate oltre le aspettative ma in fortissimo calo: si stima di aver bruciato tra indotto diretto e indiretto circa 280 milioni di euro e mezzo miliardo da marzo

25 novembre - 08:56

La 73enne Iolanda Balzano si è spenta dopo aver lottato contro il coronavirus: madre di quattro figli, nonna e bisnonna si era candidata in sostegno di Franco Ianeselli nelle ultime elezioni comunali. Il figlio: “Una manciata di giorni ti hanno portata via da quella quotidianità che vivevi con la forza e il coraggio”

24 novembre - 16:58

Un’analisi dei certificati di decesso ha mostrato che il Covid-19 è la causa direttamente responsabile della morte nell’89% dei decessi raccolti nel Sistema di Sorveglianza. L’Iss: “È probabile che nei mesi di marzo e aprile i decessi legati al coronavirus siano sottostimati perché molti pazienti morirono senza essere testati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato