Contenuto sponsorizzato

Cambia il casello di Trento Centro: due tunnel pedonali e una nuova rotatoria per 7 milioni di euro

Attualmente agibile solo in entrata, dopo l’apertura, nel 2011, del casello di Trento sud la nuova stazione autostradale sarà completamente automatizzata e dotata di due piste di esazione in entrata e due in uscita anche se non si prevede di modificare lo status quo

Pubblicato il - 25 novembre 2016 - 16:35

TRENTO. Cambierà completamente volto l'ingresso autostradale di Trento Centro anche se non cambierà il fatto che verrà utilizzata solo in entrata, e non in uscita dall'autostrada, dagli utenti. Tra le modifiche più impattanti un doppio sistema di tunnel uno sotterraneo e uno sopraelevato che permetteranno agli addetti del casello di spostarsi in sicurezza da una parte all'altra e dalla sede della Società ai diversi centri operativi.

 

 

La struttura sarà, infatti, rivestita in “cristallo a telaio nascosto”, avrà un “tetto verde” e sarà collegata alle cabine da un cunicolo sotterraneo che consentirà il passaggio degli addetti alla manutenzione in totale sicurezza e anche degli impianti tecnici a servizio delle piste. Gli edifici di sede della Società e quello che ospita il Coa-Centro Operativo Autostradale e il Cau-Centro Assistenza Utenza saranno collegati tra loro da un tunnel aereo pedonale di 62 metri di lunghezza per 1,5 di larghezza.

 

Questo quanto approvato stamani dal Consiglio di Amministrazione della Società di via Berlino per 7 milioni di euro. Attualmente agibile solo in entrata, dopo l’apertura, nel 2011, del casello di Trento sud la nuova stazione autostradale sarà completamente automatizzata e dotata di due piste di esazione in entrata e due in uscita anche se non si prevede di modificare lo status quo: come detto, infatti, la stazione di Trento centro, in uscita, rimarrà chiusa al traffico, come indicato dalle Amministrazioni locali.

 

A fianco delle piste, sarà integralmente rifatto un nuovo edificio di servizio. Il Presidente di A22 Andrea Girardi e l’Amministratore Delegato Walter Pardatscher hanno espresso molta soddisfazione per l’approvazione del progetto la cui esecuzione “andrà a connotare architettonicamente e finalmente a ridare lustro ad una storica ed importante porta della città”.

 

Per quanto riguarda la viabilità esterna, il progetto prevede di accorpare i parcheggi esistenti nei pressi della sede, attualmente frazionati, migliorando allo stesso tempo la viabilità per l’entrata in autostrada e quella verso la città, con l’eliminazione della piccola rotatoria antistante l’ingresso della sede di Autostrada del Brennero, che attualmente funge da parcheggio per i dipendenti. Il traffico, da e per la località Vela, sarà fatto scorrere su un nuovo tratto a doppio senso che si andrà ad innestare in una nuova rotatoria che smisterà anche il traffico proveniente dai parcheggi dell’A22 e quello diretto verso l’edificio Coa/Cau A22.

 

Durante i lavori, che dureranno circa un anno e mezzo, la stazione autostradale rimarrà completamente chiusa al traffico, anche a quello in entrata, oggi agibile.

 

In chiusura il Consiglio di Amministrazione della Società ha inoltre deciso di prorogare la promozione Brennerpass fino al 31 dicembre 2017, così come attualmente formulata: bonus del 20% sulla tratta lavorativa interna all’A22.

Allo stesso tempo ha confermato l’adesione alla promozione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che prevede agevolazioni ai pendolari in modalità differenti anche per chi utilizza autostrade interconnesse.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato