Contenuto sponsorizzato

Circa 450 chilometri quadrati e 86.500 persone divise in sei villaggi, Acav visita il campo profughi Rhino Camp in Uganda

Qui a Rhino Camp i dati statistici sono impressionanti, in tre villaggi ogni persona ha a disposizione 12 litri di acqua al giorno, in altri due vengono dati 7 litri al giorno, nell'ultimo si arriva al massimo 3 litri al giorno

Di Elisabetta Bozzarelli (Acav) - 22 giugno 2017 - 20:38

UGANDA. Il Rhino Camp, che si sviluppa su circa 450 chilometri quadrati e accoglie circa 86.500 persone divise in sei villaggi, è uno dei sei campi profughi allestiti nel West-Nile, a circa dieci chilometri dal Sud Sudan.


Oggi sono stati distribuiti i primi cento kit agricoli ad altrettante famiglie, in totale saranno 1.300 quelli consegnati in collaborazione con la Provincia di Trento: Acav ha formato le persone, fornendo alcune semplici nozioni per poter coltivare un pezzo di terra e piano piano ricominciare una vita che possa sembrare normale.


Qui a Rhino Camp i dati statistici sono impressionanti, in tre villaggi ogni persona ha a disposizione 12 litri di acqua al giorno, in altri due vengono dati 7 litri al giorno, nell'ultimo si arriva al massimo 3 litri al giorno.


Ma oggi è un buon giorno, nonostante tutto. Il pozzo perforato da Acav ha una portata superiore a 50.000 litri ora, potremo meccanizzarlo e così distribuire acqua ad almeno 50 mila persone.

Ci allontaniamo da Rhino Camp e andiamo in un altro dei campi profughi: Imvepi. Qui proviamo a parlare con diversi rifugiati, per capire cosa hanno attraversato, cosa vogliono fare.

 

C'è chi ha camminato per molti giorni, perdendo ciò che portava con se'. L'esercito non risparmia niente e nessuno. Sorge spontanea da loro una domanda: "ma il neonato stato del Sud Sudan non avrebbe il compito di proteggerci?" Chiediamo se pensano di fare ritorno, ci rispondono che torneranno quando il paese sarà in pace. Ma la pace è lontana. Il cammino da percorrere è ancora molto.

 

A noi tutti il compito di provare a ridare una fiducia, ripartendo da questa nuova terra che li sta accogliendo.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 18:42

Il presidente ha confermato l'intenzione di proseguire con le lezioni in presenza. Ferro ha raccomandato di arieggiare gli spazi chiusi e mantenere le distanze sociali: ''Non ci rendiamo conto di quanto sia stressato il nostro sistema sanitario per questo aumento dei ricoveri che temo per i prossimi 10 giorni non potranno che aumentare''

03 marzo - 18:37

Il rapporto contagi/residenti a Giovo continua a rimanere sopra il 3% così il presidente della Pat firmerà a breve l’ordinanza per far scattare nuove misure. Fugatti: “Per le scuole medie non cambia nulla per il resto si applicano le restrizioni da zona rossa”. L’ordinanza in vigore da alla mezzanotte di giovedì

03 marzo - 18:15

Il contagio torna a mettere in difficoltà il sistema sanitario in Trentino con 47 ricoveri in terapia intensiva (il massimo della seconda ondata era stato 53) e altre 3 persone in alta intensità. Chiuse altre 6 classi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato