Contenuto sponsorizzato

Gianna Jessen a Trento, la donna che ha corso la maratona di Londra, senza arrendersi al tentato omicidio e alla paralisi

L'aula magna del Collegio Arcivescovile di Trento ospita questa sera alle 20.30 la testimonianza di Gianna Jessen, sopravvissuta all'iniezione salina nel 1977, che ha ispirato il film October Baby 

Gianna Jessen
Di Luca Andreazza - 02 dicembre 2016 - 13:12

TRENTO. L'Aula Magna del Collegio Arcivescovile di Trento vedrà un'ospite d'eccezione questa sera alle 20.30: Gianna Jessen, la cui storia ha ispirato il film October baby, porterà la sua testimonianza di donna follemente innamorata della vita

 

Gianna Jessen, nata a Los Angeles nel 1977, è una testimonial mondiale dei diritti umani, in quanto sopravvissuta al tentato omicidio materno per avvelenamento salino. Il piano della giovane madre del Tennessee non andò a buon fine e il feto venne espulso ancora vivo nonostante 18 ore di esposizione alla soluzione.

 

Gravemente lesa da paralisi cerebrale e muscolare, data per spacciata, viene allevata e abbandonata in un orfanotrofio. A quattro anni arriva la svolta, Gianna Jessen viene adottata da una famiglia, che trova la forza di volerle bene e che ha tenacemente sottoposto la bambina a sedute di fisioterapia e riabilitazione.

 

Contro ogni aspettativa, Gianna Jessen supera le difficoltà motorie indotte dalla paralisi, inizia a camminare senza tutore, seppure con notevoli difficoltà e nel 2006 prende parte alla maratona di Londra, per dare un segno di speranza forte e indelebile.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 20:11
L'allerta è scattata intorno alle 18 di oggi all'altezza del centro abitato di Preore, frazione del comune di Tre Ville. Un'auto si è rovesciata: 4 le persone coinvolte, delle quali 2 sono rimaste a terra incoscienti. In azione la macchina dei soccorsi
28 novembre - 17:40

Sono stati analizzati 3.955 tamponi, 219 i test risultati positivi. Cala il numero delle persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri e in terapia intensiva

28 novembre - 18:25

La Provincia si è mossa per aprire nuove strutture Covid: Dro, Tione, Ala e San Vendemiano. Il nuovo focolaio riguarda la Rsa di "San Giuseppe" Primiero 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato