Contenuto sponsorizzato

I cani dell'associazione Arcadia all’Hospice di Mori. "Gli anziani li coccolano e vediamo tanta gioia"

"Qualche ospite si è commosso per il cane che gli è saltato sulle ginocchia. Ci sono poi i casi in cui la persona è meno presente  e magari è proprio l’animale a indurre una reazione: sono momenti carichi di significato per noi, per l’ospite, i familiari e i volontari"

Pubblicato il - 07 luglio 2017 - 18:11

MORI. L’associazione Arcadia, che oltre a gestire il Parco canile di Rovereto promuove una serie di attività sul territorio, è entrata anche all’Hospice di Mori. L’equipe della struttura esprime grande soddisfazione per un’attività che sta dando risultati molto positivi.

 

Gli incontri avvengono una volta a settimana e sono coordinati dalla psicologa Chiara Vicario. Per il momento si tratta di semplici attività di compagnia: gli animali si prestano volentieri a farsi coccolare e molti ospiti hanno potuto godere di qualche ora di serenità insieme a loro. In futuro si potrebbe mettere in campo anche qualche iniziativa più strutturata.

 

I referenti dell’equipe dell’Hospice spiegano: "Chiediamo agli ospiti se sono interessati a questo tipo di attività, dunque prepariamo gli incontri e al termine facciamo sempre un bilancio. In queste iniziative sentiamo sempre anche le opinioni dei familiari".

 

"Possiamo dire che abbiamo già riscontrato diversi segnali positivi, qualche ospite si è commosso per il cane che gli è saltato sulle ginocchia. Ci sono poi i casi in cui la persona è meno presente - spiegano -  e magari è proprio l’animale a indurre una reazione: sono momenti carichi di significato per noi, per l’ospite, i familiari e i volontari".

 

"Ci auguriamo - concludono - che il progetto possa andare avanti e ampliarsi. Tra le altre cose, Arcadia ci ha offerto il servizio in forma gratuita".

 

L’altro ramo del progetto è ovviamente Arcadia e la psicologa spiega: "Coinvolgiamo normalmente tre cani: uno di media grossa taglia – spesso un golden retriever – e un paio più piccoli. Teniamo conto che molti degli ospiti sono allettati e il cagnetto di piccola taglia può essere gestito con maggiore facilità".

 

"Vedo che questa attività porta reazioni di gioia - afferma la Chiara Vicario -  dà stimoli e aumenta la reattività di chi, magari, è meno presente. Per il futuro sarebbe bello proporre, oltre all’attività della semplice “manipolazione” dell’animale, anche un prendersi cura, magari semplicemente con lo spazzolamento".

 

"Oltre a me - sottolinea -  nel fare le attività ci sono sempre i conduttori e la loro funzione è garantire anche il benessere del cane che, in quel momento, sta lavorando e sta compiendo dunque uno sforzo anche mentale, che può affaticarlo".

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 28 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
29 giugno - 16:11
Le stelle alpine proseguiranno il lavoro iniziato con il tavolo di centro cercando di recuperare il rapporto con Campobase. Da Marchiori [...]
Cronaca
29 giugno - 15:50
Il corpo dei vigili del fuoco volontari e l'intera comunità di Villa Lagarina piangono la scomparsa di Ivan Baldessarelli, morto ieri ad appena 40 [...]
Cronaca
29 giugno - 15:39
In Trentino le infezioni da Covid sono in risalita, salgono a 50 le ospedalizzazioni. I casi attivi invece sono 3.608, mentre la maggior parte dei [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato