Contenuto sponsorizzato

'Il pozzo dei desideri' vince il Gran carnevale di Storo

Oltre seimila persone hanno applaudito la ventina di carri. 'La fonte miracolosa' e 'Non tutte le principesse escono col buco' chiudono al secondo e terzo posto. In arrivo il libro della Pro Loco sulle cinquanta edizioni del Carnevale di Storo

Pubblicato il - 12 marzo 2017 - 16:39

STORO. Il carro 'Il pozzo dei desideri' si aggiudica la cinquantesima edizione del Gran carnevale di Storo. Il lavoro proposto dal gruppo storico Mary Poppins guidato da Flavio Zocchi racconta un mondo fiabesco: conte e principesse uscite da un libro con molti altri personaggi surreali, premiato anche lo spettacolare effetto scenico della struttura che si apre durante l’esibizione.

 

'La fonte miracolosa' e 'Non tutte le principesse escono col buco' chiudono la kermesse rispettivamente al secondo e terzo posto. Grande ilarità tra il numeroso pubblico, stimato in oltre seimila persone, hanno invece suscitato i carri 'Lo Schiaccianoci', 'Prot Corn' di Ledro, 'Welcome Miami Beach' e 'Co Quadrar al Polo Nord'. Nella sezione dei gruppi mascherati la vittoria è andata a 'I Banani' davanti a 'Le Cocos Quadre’s Band'.

Tra i carri esterni ha invece centrato una incredibile triplete 'Salvalo per la tua libertà' del gruppo Sfazè di Roncone, incentrato sull’attuale problematica dell’abbassamento del livello del lago di Roncone e già vincitore quest’anno nelle sfilate di Roncone e Tione. Il carro ha messo in fila 'Pokemon Go' di Rendena, 'Minions sal Dosson' di Ragoli, 'Il Mistero dell’acqua perduta' di Bondo e 'Up New generation' di Tione. A vincere la classifica dei gruppi mascherati è stato 'Vegano infame per te solo salame' del Bleggio.

 

Il premio Hermann è andato infine al carro 'La Fonte miracolosa' e l'irridente satira sulle vicende economico-amministrative di Storo.

Gran carnevale di Storo

 

Il Gran finale si è avuto dopo la mezzanotte con le premiazioni dei carri nella nuova struttura StoroE20 voluta dalla Pro Loco. E proprio il suo presidente Nicola Zontini ha espresso tutta la soddisfazione per la perfetta riuscita della cinquantesima edizione del Gran carnevale: "Non era mai successo - dice - nei 50 anni di storia del Gran Carnevale di Storo, di dover rinviare il gran finale, ma come si dice in questi casi al tempo non si comanda. E grazie anche al supporto nella comunicazione da parte del Consorzio Turistico valle del Chiese il Carnevale di Storo si è confermato il più grande e storico del Trentino ma è anche il Carnevale di carri 'statici' più grande d’Europa".

 

A contendersi la vittoria sono stati una ventina di carri, con gruppi mascherati capaci di movimentare la bellezza di mille figuranti. Lavori incentrati principalmente su temi di satira locale. E tra i carri dei gruppi storici che hanno storicamente animato il Carnevale ha fatto il suo esordio anche un nuovo gruppo di giovani storesi che hanno deciso di mettersi in gioco per la prima volta.

 

Il programma 2017 è riuscito ad abbracciare anche i momenti dedicati ai più piccoli e ai ragazzi (con le due sfilate in centro al paese): un aspetto voluto dalla Pro Loco M2 per perpetuare la tradizione del carnevale a Storo, coinvolgendo sin da subito le nuove generazioni. E in attesa del 2018, nelle prossime settimane verrà presentato il libro voluto dalla Pro Loco per ricordare le prime 50 edizioni del Gran Carnevale, patrimonio della Valle del Chiese e dell’intero Trentino.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 17:53
Nelle ultime 24 ore sono state confermate anche 13 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 4 dimissioni e 78 guarigioni
25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

25 gennaio - 13:34

Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato