Contenuto sponsorizzato

"No alla pena di morte", un flash mob di Amnesty International

Sono ancora troppi i Paesi che praticano l'"omicidio di Stato". 1.634 persone messe a morte nel 2015

Pubblicato il - 11 ottobre 2016 - 09:20

TRENTO. Gli attivisti di Amnesty International si sono dati appuntamento anche nel capoluogo trentino. Si sono schierati in fila, in mano cartelli gialli su cui campeggiavano numeri e nomi. I numeri delle esecuzioni capitali e i nomi degli stati in cui ancora si condannano a morte uomini e donne. Hanno raccolto firme per mettere al bando quello che chiamano "omicidio di Stato".

In occasione della Giornata mondiale contro la pena di morte la sezione locale dell'organizzazione umanitaria ha organizzato un flash mob con l'intenzione di ricordare ai passanti che lo scorso anno, nel mondo, almeno 20 paesi hanno emesso o eseguito condanne a morte per reati di terrorismo: Algeria, Arabia Saudita, Bahrein, Camerun, Ciad, Cina, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Giordania, India, Iran, Iraq, Kuwait, Libano, Pakistan, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Stati Uniti d'America, Sudan e Tunisia. "Violenza contro violenza", sottolinea in un comunicato l'organizzazione: "Non si affrontano così le cause alla base della violenza. In questo modo aumenta solo l'ingiustizia e la sofferenza e si genera un nuovo ciclo di violenza, senza fornire giustizia alle vittime del terrorismo".

 

Alcuni dati. 140 Paesi (oltre i due terzi del mondo) sono abolizionisti per legge o nella prassi, 103 Paesi hanno abolito la pena di morte per tutti i reati, 58 Paesi ancora prevedono nelle loro leggi la pena di morte, 25 Paesi hanno eseguito condanne a morte nel 2015. I cinque Paesi che più hanno eseguito condanne a morte nel 2015 sono stati Cina, Iran, Pakistan, Arabia Saudita e Stati Uniti d'America.

 

Nel 2015 almeno 1.634 persone sono state messe a morte in tutto il mondo rispetto alle 1.061 del 2014, un aumento di oltre il 50%. Questa cifra rappresenta il più alto numero di esecuzioni registrate da Amnesty International dal 1989. Il totale non include il dato relativo alla Cina, dove la pena di morte è classificata come segreto di stato. Amnesty International ritiene che le esecuzioni avvenute in Cina siano state migliaia, sebbene ci siano indicazioni che il numero sia in diminuzione. Anche il numero dei paesi esecutori è aumentato, da 22 nel 2014 a 25 nel 2015.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 novembre - 05:01

Caritas diocesana e Fondazione Comunità Solidale restituiscono la fotografia delle povertà sul territorio provinciale, con numeri in leggera crescita rispetto lo scorso anno. “Tanti stranieri utilizzano i servizi di accoglienza come punto di riconoscimento e di appoggio per avere un luogo sicuro dove pernottare in attesa dei documenti”

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato