Contenuto sponsorizzato

Polenta&Mortadella a Varone, spazio anche alla solidarietà per il Centro Italia

Si tiene oggi una delle più antiche sagre del Trentino 

Pubblicato il - 12 marzo 2017 - 11:37

RIVA DEL GARDA. La tradizionale sagra di «polenta e mortadella» torna oggi a Varone .

 

Rappresenta una delle feste popolari più antiche del Trentino risalente, secondo alcuni documenti, addirittura al 1708 quando il curato don Gaetano Bertoldi affermava di essere tenuto, in virtù di un «beneficio» di cui godeva le rendite, conferitogli dalla comunità che ne deteneva lo «Jus Patronatus», a distribuire nel giorno dell’Annunciata nella chiesa di Santa Maria del Perdono una «soma di pane di frumento, una brenta di vino ed un minale di farina cotta». Per alcuni la festa risale al 1463.

 

Fatto sta che l'evento è riuscito ad arrivare fino ai giorni nostri e accanto alla polenta è andata ad aggiungersi la mortadella

 

Non manca anche in questo caso la solidarietà. Durante la manifestazione, infatti, saranno presenti delle cassette di legno per la raccolti di fondi. L'intento del comitato Polenta e Mortadella è quello di raccogliere una somma di denaro da devolvere alle popolazioni del centro Italia che sono state colpite dal terremoto. L'iniziativa va ad aggiungersi a quelle promosse dalle altre associazioni facenti parte dei Polentari d'Italia.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato