Contenuto sponsorizzato

A quattro giovani alpinisti trentini il Premio "Paolo Consiglio" per la spedizione extraeuropea dell'anno

Thomas e Silvestro Franchini insieme a Nicola Binelli e Luca Cornella stati protagonisti nell'impresa alpinistica sulla vetta del Kishtwar Shivling nell'Himalaya indiano nel giugno dello scorso anno

Pubblicato il - 28 maggio 2017 - 20:18

TRENTO. Erano stati protagonisti nell'impresa alpinistica sulla vetta del Kishtwar Shivling nell'Himalaya indiano nel giugno dello scorso anno, quando hanno raggiunto la cima del pilastro est di 5.780 metri, aprendo la splendida via dei Trentini, dopo 7 giorni di avvicinamento, un duro bivacco di 22 ore e un primo tentativo durante il quale si è tranciata la corda, con il rischio altissimo di non tornare a raccontarla questa incredibile ascensione.

 

Di avere le ali ai piedi ormai l'hanno ampiamente dimostrato e tra gli importanti riconoscimenti che Thomas e Silvestro Franchini insieme a Nicola Binelli e Luca Cornella stanno ricevendo, ieri ne è arrivato un'altro.

 

I quattro giovani alpinisti trentini, infatti, sono stati infatti premiati con il Premio Paolo Consiglio a Napoli in occasione dell'Assemblea Nazionale dei Delegati 2017 del CAI.

 

Il premio viene conferito dal Club Alpino Accademico Italiano (Sezione nazionale del Club alpino italiano) ad una spedizione alpinistica extraeuropea dell'ultimo anno, di carattere esplorativo, o di elevato contenuto tecnico, organizzata da piccoli gruppi di alpinisti a composizione prevalentemente giovanile.


Silvestro, presidente della sezione SAT di Madonna di Campiglio e Thomas, con i compagni Binelli e Cornella, hanno illustrato questa straordinaria avventura in numerose serate invernali di diapositive ed emozioni.

 

Premiati con i nostri trentini anche i giovani lombardi Luca Schiera e Paolo Marazzi dei Ragni di Lecco, per la spedizione alpinistica "Rio Turbio 2017" (Patagonia).

 

"Questi giovani alpinisti, con l'esempio di queste spedizioni, possono ispirare altri giovani a vivere l'avventura senza compromessi, valorizzando i valori etici e morali del Club alpino accademico. -scrive il Presidente del Club accademico Alberto Rampini nelle motivazioni-   Valori nei quali l'uomo, con la sua volontà, preparazione, tenacia e determinazione, si spinge ai propri limiti, affrontando la natura selvaggia e accettando i rischi in modo consapevole ma senza compromessi".

 

Ieri a Napoli il presidente del CAI Vincenzo Torti ha consegnato la  Medaglia d'Oro alla Memoria ai familiari  dei volontari del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico deceduti lo scorso gennaio a Campo Felice nell'incidente all'elicottero del 118 avvenuto durante un'operazione di soccorso. Ricordo commosso dunque e rinnovato cordoglio alle famiglie da parte tutti i delegati CAI per:  Valter Bucci, Davide Nunzio De Carolis, Mario Matrella e Andrea Pietrolungo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 ottobre - 20:01
La denuncia è arrivata dal Gruppo MeToo Rovereto e riguarderebbe un dipendente dell'Apss del reparto otorinolaringoiatra di Rovereto poi [...]
Politica
27 ottobre - 20:52
Il consigliere comunale Walter Lenzi ha presentato un'interrogazione alla Giunta Ianeselli (firmata da tutti i capogruppo di maggioranza) per [...]
Cronaca
27 ottobre - 20:46
L'incidente è avvenuto in via Fratelli Fontana. I pezzi del pullman hanno colpito uno scooter in transito. Una persona è stata trasferita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato