Contenuto sponsorizzato

Riapre Castel Nanno tra birre artigianali, musica dal vivo e menù medievali

E' tra i castelli più antichi del Trentino e da sempre uno dei protagonisti di leggende che narrano di streghe e infelici amori

Di Linda De Carli (Liceo Prati) - 29 giugno 2017 - 10:24

VILLE D’ANAUNIA. Castel Nanno sarà nuovamente visitabile dal 30 giugno al 2 luglio. In occasione infatti del weekend di cultura e divertimento della Val di Non il castello antichissimo riapre le porte al pubblico.

 

L’iniziativa di riapertura del castello è promossa dalla Pro Loco di Nanno ed è in collaborazione con altre associazioni locali, resa possibile anche grazie alla disponibilità dei proprietari della struttura.

 

Le tre giornate di festa prevedono diversi appuntamenti rivolti a tutta la popolazione: si potranno degustare birre artigianali, ascoltare musica dal vivo e cenare con menù medievali. Tutto nasce da un’idea di Francesco Stringari ed è reso possibile  grazie all’impegno e al lavoro dei volontari della Pro Loco. Il sindaco Francesco Facinelli:“Il territorio di Ville d’Anaunia è ricco di storia e tradizioni, e merita perciò di essere valorizzato e apprezzato, sia dai nostri cittadini che dai turisti”. Tutti sono quindi invitati a rendersi partecipi della straordinaria iniziativa.

 

Castel Nanno, maniero medievale che sorge nel paese omonimo, è da sempre uno dei protagonisti di leggende che narrano di streghe e infelici amori. Gode della fama di essere uno dei castelli più antichi del Trentino: nonostante la sua origine medievale, venne infatti fatto ricostruire nel corso del Cinquecento e assunse così l’aspetto di un edificio in pieno stile rinascimentale. Al giorno d’oggi è visitabile solamente all’esterno, in quanto residenza privata.

 

Le sale del castello sono affrescate con soffitti in legno e in occasione dell’evento saranno arredate con mobili del Cinquecento messi a disposizione dall’associazione Arzberg, che sarà presente in tutte le tre giornate. Le visite saranno gestite dalle guide dell’associazione Anastasia Val di Non, e riveleranno storie e leggende del maniero. Una di queste narra che nel Seicento si svolse a Castel Nanno un processo per stregoneria, che si concluse con la condanna al rogo di tre donne. A testimonianza dell’episodio c’è una pietra con incise tre croci al pianterreno. E negli stessi luoghi ogni anno risuonano i lamenti di due amanti, Melisenda e Ludovico, la cui storia richiama alla mente quella di Romeo e Giulietta: le leggende narrano che i due giovani, appartenenti a famiglie nemiche, furono murati vivi in due piccole nicchie scavate sotto la scala maggiore.

 

La serata di venerdì sarà dedicata alla degustazione di birre artigianali e dalle 21 si esibirà il gruppo musicale “Bob& the Traffic Jam”. Sabato 1 luglio verrà proposto il “banchetto del re”, con menù tipico e intrattenimento musicale medievale. Domenica alle 15 l’associazione Arzberg porterà in scena un matrimonio ambientato nel Cinquecento con balli e coreografie, e gli spettatori avranno la possibilità di indossare vestiti d’epoca.

 

Dal 30 giugno al 2 luglio, dalle 9 alle 17, sarà dunque possibile visitare l’interno del castello e prendere parte al rinfresco della tavola calda grazie alla collaborazione delle Donne rurali capeggiate da Laura Fedrizzi. Durante il giorno sarà disponibile anche il parcheggio del magazzino Unifrutta di Nanno, mentre un bus navetta accompagnerà gli ospiti alle mura del maniero.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 marzo - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

07 marzo - 18:26

L'amministrazione comunale continua a respingere la semplicissima proposta volta a sensibilizzare la comunità sul rispetto delle donne e contro la violenza. Vardon Inant: ''La Giunta provinciale in questi giorni ha deciso di aderire al progetto nazionale 'Panchina rossa' coinvolgendo anche, come parte attiva, i Comuni. Torniamo a chiederla per Mazzin e a tal proposito abbiamo deciso di interpellare direttamente la Provincia''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato