Contenuto sponsorizzato

"Send nudes", la scritta enorme sulla neve in piazza Duomo a Trento. Un tormentone in rete, un modo originale per richiedere una foto senza veli

In internet è ormai virale il meme "Send nudes". Scritte originali per superare l'imbarazzo in chat. A Trento qualcuno l'ha vergata sulla neve, sui social è stata condivisa molte volte

Pubblicato il - 14 gennaio 2017 - 17:54

TRENTO. "Send nudes" si scrive sulle chat, nei messaggi che si scambiano ogni giorno milioni di persone. E si scrive quando il dialogo è arrivato al punto giusto, quando si vorrebbe scoprire di più dell'interlocutore. "Mandami una foto, dai". Per vedere meglio la persona con cui si sta chattando, con cui ci si scambiano messaggi tutto il giorno e anche la notte.

 

"Mandami una foto nudo/a", perché ci può stare che si chieda pure questo: per gioco, perché è eccitante, per curiosità. Ma scriverlo è un problema, si rischia di cadere nel perverso, di fare la figura dell'allupato o della poco di buono. Ecco la soluzione "simpatia" che sta spopolando sul web: la richiesta scritta in lingua inglese diventa una composizione, una sfida a chi la scrive con maggiore originalità.

 

Si schiva l'imbarazzo con una risata e si invia un messaggio con la foto della scritta vergata sul muro con lo spray, "send nudes" si scrive allora con la pastasciutta, con i soldi ammonticchiati, con gli stuzzicadenti, con i fiammiferi. O con la neve, usando il manto bianco come una lavagna.

 

Ha fatto proprio così l'utente social con le finestre che si affacciano su piazza Duomo a Trento. Chissà con chi chattava ma il momento era quello giusto: "Send nudes" l'ha scritto sulla neve fresca, lettere enormi che poi ha immortalato nella foto. Che forse avrà spedito e chissà se avrà avuto la risposta che attendeva. 

 

Ma è più probabile, anzi è certo, che la scritta sia solo una provocazione lanciata sui social da Alessio Tomarelli e Michele Tonelli. Perché ormai indipendentemente dell'idea originaria il meme "Send nudes" è diventato una vera e propria sfida, come dicevamo, a chi lo scrive con maggior creatività. E diciamolo, quella di Trento è molto ben riuscita. In poche ore ha invaso le pagine di Facebook, veicolata da Spotted Unitn ha fatto sorridere tutti.  

 

La foto è stata poi postata sulla pagina Facebook "La fabbrica del degrado". E' diventata "social" e in 15 mila hanno messo "like". In 560 l'hanno condivisa, salvandola in memoria perché non si sa mai, il momento di chiedere in chat di farsi vedere senza veli potrebbe anche arrivare e questa della scritta sulla neve è proprio originale. 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

19 ottobre - 17:44

Sono stati analizzati 1.521 tamponi, 79 i test positivi nelle ultime 24 ore. Il rapporto contagi/tamponi si attesa a 5,2%. Ci sono 6 classi in più in isolamento a causa dell'epidemia Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato