Contenuto sponsorizzato

Trento Rise Up, occupato uno stabile in via Brennero

L'organizzazione occuperà l'edificio (di proprietà privata) per due giorni fra eventi musicali e artistici. Preoccupati i proprietari per eventuali danni alla struttura 

Pubblicato il - 11 novembre 2016 - 18:04

TRENTO. In questi minuti l'organizzazione di Trento Rise Up sta occupando un edificio in via Brennero 148, tra Pittarello e il distributore Agip. 

 

"Si tratta di un progetto - spiegano i rappresentanti di Trento Rise Up - per costruire un legame tra le realtà musicali e artistiche della città, che normalmente non trovano spazi per esprimersi. Vogliamo creare un percorso che si autocostruisca con le energie di tutti quelli che desiderano partecipare. Il nostro obiettivo è quello di riportare in vita luoghi abbandonati e far capire che il degrado in città viene portato non dagli studenti ma da luoghi abbandonati".

 

"Attraverso questo primo evento autogestito - continuano - vogliamo dare vita alla città, altrimenti limitata a quelle poche manifestazioni organizzate durante l'anno. Il degrado è rappresentato dai troppi luoghi ormai in stato di abbandono: l'intenzione è di mostrare le potenzialità di Trento e dei giovani che vogliono esprimerle. Questa sera abbiamo organizzato un concerto punk hardcore, dove si esibiranno gruppi di Trento, Bolzano e Venezia. Domani sera invece spazio all'evento dedicato a giovani artisti. Saranno dei momenti di socialità e partecipazione".

 

 

 

 

Lo stabile occupato da Trento Rise Up

NOTA SUL PROFILO FACEBOOK DI TRENTO RISE UP

"La facciata che Trento offre agli occhi di chi non la vive è quella di una città universitaria confortevole, sicura, gioiello per quelle iniziative d’avanguardia che impongono di mantenere le strade pulite e le piazze pattugliate. 

Nella quotidianità dei 18.000 universitari Trento si configura come una città vetrina, in cui la riqualificazione urbana non va al passo dei cambiamenti sociali che Trento sta subendo; anteponendo la riorganizzazione degli spazi, la speculazione politica sull’antidegrado e gli interessi economici a discapito di una aggregazione libera da pattugliamenti, business commerciali e burocratiche procedure amministrative.  Ogni tentativo di espressione culturale diversa dai consueti salotti da aperitivo ed eventi da calendario è costantemente ostacolato da decisioni prese nelle sedi di potere e dalla repressione che i corpi di polizia inscenano giornalmente. 

La prevaricazione degli interessi securitari sulle esigenze e ritmi della componente giovanile non impedirà a quest’ultima di essere protagonista della vita attiva cittadina, riportando nelle strade e nelle piazze momenti liberi da restrizioni amministrative che sappiano promuovere arte, cultura e socialità sconfinando da un divertimento fine a se stesso ma rivendicando invece diritti e spazi di libertà solitamente negati. 

Per questi e molti altri motivi nelle giornate della 11 e 12 novembre abbiamo deciso di liberare uno spazio inutilizzato da molto tempo per dargli nuova vita. In queste due giornate lo spazio sarà aperto a tutti e tutte senza senza alcuna logica commerciale o di mero profitto. Con questa occupazione temporanea vogliamo aprire una campagna capace di parlare ai giovani e alla città rispetto alla costruzione di nuovi spazi di aggregazione e socialità. Vi invitiamo a passare in via Brennero 148, tra Pittarello e distributore Agip. Potete raggiungerci a piedi a 10 minuti dal Centro storico, oppure con l'autobus linea 3, 7, 11, 15, 17 fermata ex scalo Filzi"

 

I titolari dell'edificio si dicono "preoccupati" per eventuali danni alla struttura derivanti dall'occupazione. A controllare la situazione è giunta sul posto la Polizia.  

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:31

In Italia ci sono 11 Regioni classificate a rischio elevato, mentre Calabria, Lombardia, Piemonte e la provincia di Bolzano sono già entrate nello “scenario 4”, il peggiore. L’esperto del Ministero: “La percentuale dei positivi sui tamponi effettuati supera il 10% e non è un buon indicatore”

31 ottobre - 08:48

E' successo in centro a Rovereto, sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco che hanno spento l'incendio ma il mezzo è andato completamente distrutto. Sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine per capire la cause delle fiamme 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato