Contenuto sponsorizzato

Un bimbo per dare "il via" alla nuova casa di riposo di Cadine

Inaugurata ufficialmente ieri alla presenza dell'assessore Zeni è la prima residenza socio-assistenziale realizzata secondo le nuove direttive provinciali per la progettazione delle Case di riposo. Dispone di 90 letti

Il bimbo con alcuni ospiti della Casa al momento del taglio del nastro
Pubblicato il - 08 ottobre 2016 - 18:13

CADINE. E' stata inaugurata ieri a Cadine, a pochi mesi dalla sua apertura, la nuova Rsa Casa Famiglia, la prima residenza socio-assistenziale realizzata secondo le nuove direttive provinciali per la progettazione delle Case di riposo e terminata in tre anni di lavori.

 

La nuova struttura adesso è pienamente operativa, anche se non tutti gli spazi sono occupati e ospita una sessantina di anziani non autosufficienti che prima si trovavano in via Borsieri a Trento. Ciò a fronte di una disponibilità di 90 posti letto, di cui 64 convenzionati e 26 aperti ad altre tipologie di utenza. I servizi offerti dalla RSA si estendono a tutta la comunità della circoscrizione del Bondone, in particolare con il centro diurno e il punto prelievi che sarà disponibile a breve.

 

"Il coinvolgimento con il tessuto della comunità di Cadine è la testimonianza del collegamento e del legame che le Rsa devono avere con il territorio, strutture che si integrano in un sistema a rete di servizi per gli anziani", ha detto l'assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni alla cerimonia del tagliato simbolico del nastro di apertura della struttura affidato ad un bambino affiancato da due degli ospiti della casa di riposo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato