Contenuto sponsorizzato

E' Neka Crippa il vincitore della prima edizione del Giro del lago di Levico

Podismo. Alle spalle del vincitore completano il podio Ousman Jaiteh (Trentino Running Team) e Yeman Crippa, atteso a breve all’appuntamento con i Campionati Europei su pista di Berlino

Pubblicato il - 21 luglio 2018 - 18:41

LEVICO TERME. E' Nekagenet Crippa il primo vincitore del Giro del lago di Levico. 

 

Il ventiquattrenne giudicariese portacolori della Trieste Atletica è stato il primo a presentarsi sul traguardo di parco Segantini a Levico Terme, al termine dei 10,5 chilometri disegnati attorno allo specchio d’acqua che da anni merita la Bandiera Blu, come riconoscimento di purezza e qualità.

 

Il vincitore ha completato la propria fatica in 34’23, lasciandosi alle spalle Ousman Jaiteh (Trentino Running Team), l’ormai noto podista gambiano di casa da tre anni a Borgo Valsugana e secondo con un ritardo di 30” rispetto al vincitore, fratello maggiore di Yeman atteso a breve all’appuntamento con i Campionati Europei su pista di Berlino.

Per Nekagenet Crippa si tratta di un ritorno al successo in Valsugana, nel 2016 infatti l'allievo di Massimo Pegoretti aveva messo la propria firma su La Trenta Trentina, la sorella maggiore del Giro del Lago di Levico e che si presenterà puntuale all'appuntamento del 30 settembre prossimo con l'intento di sfondare quota 2.000 iscritti.

Alle spalle dei duellanti, il podio è stato quindi completato da Mattia Ferrari (Atletica Trento, 37’32) con Norbert Corradi (Gs Valsugana Trentino) e Mattia Debertolis (Us Primiero) in quarta e quinta posizione.

Il ventinovesimo tempo assoluto ha invece consegnato ad Adiam Yemane Negasi (Gs Valsugana Trentino) la vittoria nella prova femminile: la trentottenne eritrea di casa a Trento ha completato la propria fatica in 42’52, lasciandosi alle spalle l’aquilotta Federica Stedile (Atletica Trento, 44’22), con la compagna di allenamenti Simonetta Menestrina (Atletica Trento), terza in 45’03; quarto e quinto posto quindi per la svedese Alice Greber (Molndals Aik) e per la vicentina Lisa Carraro (Aaa Malo).

Tra i volti noti che hanno voluto affrontare il Giro del Lago di Levico c’era anche l’assessore provinciale Luca Zeni (Atletica Valle di Cembra), 31° assoluto al traguardo, mentre il presidente del consorzio Pro Loco Enrico Faes (Gs Fraveggio) ha tagliato il traguardo per 87°, anticipato di poco dall’ultramaratoneta Monica Carlin (Gs Valsugana Trentino), appesantita da un problema fisico nella prima parte del tracciato, ma comunque decisa a completare la gara.

Nel complesso sono stati oltre 700 gli atleti che hanno voluto battezzare il Giro del Lago di Levico, oltre metà dei quali impegnati nella prova agonistica (degli oltre 400 iscritti, in 373 si sono presentati alla partenza), con trecento e più camminatori ad affrontare la marcia non competitiva su un percorso leggermente ridotto (8,8 chilometri), ma ugualmente affascinante e sempre a ridosso delle acque del lago.

 

Un debutto decisamente positivo per la manifestazione proposta dall’Asd Non Solo Running, nonostante il violento acquazzone scatenatosi proprio al termine della gara e che ha penalizzato la cerimonia di premiazione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 05:01

I vertici delle Stelle alpine redigono un documento (all'interno in forma completa) per chiarire un futuro che guarda fino alle prossime provinciali. I paletti per un dialogo sembrano stringenti più per il carroccio che per gli ex alleati. "Differenziarsi dalle visioni dei partiti nazionali e in antitesi ai partiti centralisti, nazionalisti, anti europeisti e a quei leader nazionali che vedono nel Trentino una terra di conquista"

06 dicembre - 11:12

Le abbondanti precipitazioni nevose delle ultime settimane hanno favorito l'inizio della stagione del letargo. Ecco quindi un orso che, sul Brenta orientale, è impegnato a raccogliere materiale vegetale per prepararsi la tana in vista del letargo

06 dicembre - 10:58

Gli impianti di videosorveglianza, pubblici e privati presenti in zona, hanno permesso di individuare l’autovettura dei due rapinatori. La donna faceva da "palo" mentre il marito bloccava le persone e le minacciava con un coltello 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato