Contenuto sponsorizzato

Dalle Bahamas al Garda: i campioni della vela scelgono le sponde trentine per allenarsi

Dal campione olimpico Freddy Loof, al fuoriclasse ligure Diego Negri, passando per gli astri nascenti Guido Gallinaro e il tedesco Kilian Wiese si sono dati appuntamento allo storico circolo della Fraglia della Vela di Riva. Gli sportivi hanno scelto le acque del Garda come meta dei i loro allenamenti: "La sponda trentina – ha spiegato Loof – è uno dei posti migliori al mondo per andare in barca a vela"

Di Tiziano Grottolo - 23 agosto 2019 - 10:15

RIVA DEL GARDA. Le sponde trentine del lago di Garda, si sa, rappresentano un paradiso per gli amanti degli spot velici ciò è confermato dai numerosi campioni che scelgono queste acque come meta per i loro allenamenti. Oltre che dalle numerose manifestazioni che si tengono ogni anno e richiamano migliaia di sportivi.

 

“Giornate fantastiche quelle che gli appassionati di vela e di surf stanno vivendo in questo agosto” fanno sapere da Garda Trentino, l’Apt altogardesana.

 

Nei giorni scorsi la Fraglia della Vela, il glorioso circolo di Riva del Garda, ha dato il benvenuto ad alcuni campioni reduci dalle Star Sailors League Finals disputate a Nassau, nelle Bahamas, e venuti ad allenarsi sulla sponda nord del lago.

 

La loro presenza non è passata inosservata ai tanti appassionati di questo sport che si sono intrattenuti con i loro beniamini.

 

E così sulle sponde gardesane è sbarcato un asso del calibro di Freddy Loof, svedese, campione olimpico a Londra nella classe Star con Max Saliminen, nonché campione del mondo, campione europeo. Insomma certamente un personaggio di spicco della vela internazionale.

 

"Riva del Garda è uno dei posti migliori al mondo per andare in barca a vela, qui ci sono le condizioni perfette e i migliori equipaggi per allenarsi”, ha spiegato lo scandinavo che nelle sue sei partecipazioni ai Giochi ha raccolto anche due bronzi, uno nel 2000 a Sydney nella classe Finn ed un secondo nel 2008 a Pechino nella classe Star.

 

Insieme a Loof c’era anche Diego Negri, il velista ligure di fama internazionale con all’attivo tra il 2000 ed il 2008 tre partecipazioni alle Olimpiadi a Sydney, Atene e ma anche campione d’Europa e vice-campione del mondo in Classe Star.

 

Al fianco dei campioni più affermati, le acque del Garda Trentino hanno potuto ammirare le abilità di alcuni giovani dalle grandi prospettive, che nei prossimi anni avranno modo d’imporsi sul panorama internazionale.

 

Si tratta del 18enne timoniere Guido Gallinaro, velista di casa che fa parte della Fraglia della Vela e promessa azzurra, che dopo i successi giovanili sul Laser, ha scelto il 49er con il prodiere Leo Chistè e nel frattempo ha affrontato i migliori alla Star Sailors League a Nassau con a prua il tedesco Kilian Wiese, anche lui sul Garda in questi giorni.

 

 “Allenarmi nelle acque di casa è il miglior preludio alle prime sfide nella nuova classe”, ha spiegato Gallinaro, considerato uno fra i più talentuosi velisti italiani Under 20.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 16:50

Zanetti è stato ritenuto “colpevole” di aver espresso solidarietà alla senatrice, recentemente passata da Forza Italia al nuovo gruppo fondato da Matteo Renzi, ma lui sottolinea: “Per capire serve cultura politica, c'è chi ce l'ha e chi no, per i secondi il silenzio è d'oro”

22 settembre - 14:57

Nelle sole due serate si sono superate le 22mila presenze. Alta la partecipazione anche a Poplar Cult nella fascia pomeridiana. Presenti persone di tutte le età e moltissime famiglie. Bocchio: "E' andato tutto bene e il successo di quest'anno dimostra un consolidamento del festival anche grazie al rapporto con le istituzioni". L'evento è stato seguito da Euregio Group che lo ha raccontato attraverso il Dolomiti, Radio Nbc, Radio Italia Anni 60 e Trentino Tv

22 settembre - 17:08

Poche ore fa il lancio su Facebook ed è subito partito il tam-tam della rete. C'è mistero sulla trama: dovrebbe trattarsi di una serie drammatica e dai risvolti sovrannaturali. Head writer è Ezio Abbate sceneggiatore di Suburra la Serie 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato