Contenuto sponsorizzato

Nevica al rifugio Antermoia e Martin Riz si tuffa nel lago: "C'è gente che paga per farlo e io ho la fortuna di viverci"

Dall'estate all'inverno nel giro di quarantotto ore. "Si passa da un'alba estiva a una giornata invernale. Non è la prima volta che nevica, l'ultima spolverata di bianco risale a giugno e anche questo è il bello della montagna"

Di Luca Andreazza - 03 settembre 2017 - 17:25

MAZZIN. Dall'estate all'inverno nel giro di quarantotto ore e Martin Riz, gestore dell'Antermoia, non si è voluto perdere l'occasione per un bagno nel paesaggio imbiancato. "Sono scesi circa venti centimetri - spiega - e le persone sedute all'interno del rifugio sono rimaste piacevolmente emozionate e stupite dalla neve di questo inizio settembre. Un'atmosfera speciale: c'è gente che paga per fare i percorsi Kneipp e invece ho la fortuna di vivere qui".

Giochi di colori e meteo testimoniate anche sulla pagina facebook del rifugio. "Si passa da un'alba estiva a una giornata invernale. Non è la prima volta che nevica, l'ultima spolverata di bianco risale a giugno e anche questo è il bello della montagna. Ora la neve, soprattutto lungo i sentieri si è già sciolta, ma ho approfittato di questa opportunità per fare una bella nuotata: la temperatura dell'acqua era superiore a quella esterna dell'atmosfera. Una sensazione unica, un'esperienza irrinunciabile".

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 Dicembre 2017
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 dicembre - 10:23

 Entrambe le piazze sono state dotate di un sistema di luce in caso di black out e sono circa una sessantina i presidi sanitari e antincendio presenti in centro storico. Tra le novità di quest'anno la torre presente in piazza Fiera 

12 dicembre - 21:21

Gli architetti di Campomarzio, questa sera, hanno presentato il loro disegno per Piedicastello. Un contributo per poter aprire la discussione e per provare a pensare al quartiere in maniera organica e finalmente come se facesse parte della città. A unirlo a via Verdi una passerrella 

12 dicembre - 21:47
Una querelle che si trascina tra il rettorato e l'assemblea degli studenti della facoltà di giurisprudenza di Lisbona da diverso tempo. Mesi e mesi di dialogo, ma sono ancora tanti i punti irrisolti all'ordine del giorno. Carlotta Capizzi: "Sono rimasta sorpresa ma questa protesta non è un fulmine a ciel sereno"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato