Contenuto sponsorizzato
L'Italia alla guida dei 'Caschi Blu della Cultura' contro l'Isis
La distruzione della Grande Moschea di al-Nuri a Mosul è solo l’ultimo episodio della furia iconoclasta dell’Isis, che dal 2014, in modo sistematico e deliberato, sta distruggendo e saccheggiando l’eccezionale patrimonio culturale della Mesopotamia. Unesco e Unu scendo in campo per quella che non è solo un'emergenza, ma anche una necessità politica e di sicurezza
Dal blog di Orizzonti Internazionali - 29 giugno 2017 - 19:22

La distruzione della Grande Moschea di al-Nuri a Mosul, dove Al Baghdadi aveva annunciato la nascita del Califfato, è solo l’ultimo episodio della furia iconoclasta dell’Isis, che dal 2014, in modo sistematico e deliberato, sta distruggendo e saccheggiando l’eccezionale patrimonio culturale della Mesopotamia, la ‘culla della civiltà’.

 

La protezione del patrimonio culturale, nelle parole del Direttore generale dell’Unesco Irina Bokova, è diventata ‘non solo un’emergenza culturale, ma anche una necessità politica e di sicurezza’.

 

Rispondendo all’appello dell’Onu, l’Italia ha assunto una decisa leadershipmondiale per mettere in campo nuovi e più efficaci strumenti per rafforzare il regime internazionale di protezione dei beni artistici e archeologici.

 

L’iniziativa più significativa è sicuramente l’istituzione dei cosiddetti 'Caschi Blu della Cultura', demandati a tutelare il patrimonio culturale nelle aree di crisi, sia nei contesti di conflitti armati che di gravi calamità naturali.

 

Il 16 febbraio del 2016, il Governo italiano e l’Unesco hanno firmato a Roma un’intesa per la formazione della task force denominata ‘Unite4Heritage’.

 

Il principale contributo a questa forza di rapido intervento è offerto dai carabinieri del comando per la Tutela del patrimonio culturale, affiancati dagli archeologirestauratori e storici dell’arte del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

 

In attesa di un accordo operativo che precisi obiettivi e modalità di azione, la task force italiana è stata istituita e testata con successo nelle zone terremotate del centro Italia, dove ha messo in sicurezza migliaia di opere d’arte.

 

A testimonianza del grande impegno e attivismo italiano in questo ambito, per la prima volta si è tenuto un G7 della Cultura. Sotto la presidenza italiana, a Firenze, è stato ribadito il ruolo distintivo della cultura come strumento di dialogo tra i popoli e la necessità di integrare una componente per la protezione del patrimonio culturale nelle missioni di sicurezza e di mantenimento della pace.

 

Lo slogan, spesso abusato, di Italia ‘superpotenza culturale’ in questo caso ben descrive l’eccellenza e la leadership del paese nel contrastare la barbarie e l’oscurantismo di chi vuole distruggere i simboli dell’arte, della cultura e della civiltà.

 

di Paolo Foradori, Professore associato di Scienza politica presso la Scuola di Studi Internazionali dell’Università di Trento

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 luglio - 20:01

L'episodio è avvenuto intorno alle 19, l'uomo è stato morso al braccio e quindi è caduto riportando diverse ferite e contusioni agli arti inferiori e superiori

22 luglio - 17:07

"Proposta e responsabilità, questi sono gli ingredienti per disegnare il futuro del nostro Trentino e del nostro partito". Ma di proposte non se n'è sentita neanche una. Nemmeno una di concreta, di percorribile. Nessuna analisi che facesse capire su che binario si posiziona questo nuovo partito che verrà

22 luglio - 13:43

Ennesima bufala della Voce del Trentino che sparge benzina sul fuoco pubblicando "il video incredibile" che, per loro, sarebbe stato girato giovedì sera a Trento. In realtà è datato 21 dicembre 2016 e viene da Bologna ma i commenti si sprecano: "un buco in testa e il problema è risolto", "povero negretto di m...a"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato