Contenuto sponsorizzato

Il bosco trattiene i massi che scendono da Monte Celva e salvano la ferrovia della Valsugana

A trattenere i massi è il bosco ceduo che ricopre la montagna fin quasi alla cima situata a 1.080 metri. E' dimostrato, anche attraverso simulazioni software, nella tesi di laurea del trentino Tommaso Caldonazzi
Dal blog di Sergio Ferrari - 02 gennaio 2018 - 20:01

Negli ultimi 50 anni i sassi che rotolano dalle pendici del monte Celva non sono mai caduti sulla ferrovia della Valsugana che collega Trento con Bassano del Grappa passando da Villazzano, Roncogno e Pergine.

 

A trattenere i massi più o meno grossi e pesanti che pure si trovano lungo il pendio che sovrasta il torrente Fersina è stato il bosco ceduo che ricopre la montagna fin quasi alla cima situata a 1.080 metri.

 

Lo dimostra la tesi di laurea in Scienze forestali e ambientali presentata da Tommaso Caldonazzi a conclusione del corso di studi di durata quinquennale all’Università di Padova.

 

A questa conclusione il giovane laureando di Civezzano è giunto attraverso ripetuti rilievi diretti all’interno di un’area delimitata del monte Celva e di una serie di simulazioni a tavolino affidate a uno speciale software.

 

Il bosco ceduo esercita una funzione di barriera naturale anche se non è fatto oggetto di interventi selvicolturali da parte dell’uomo a causa della scarsa accessibilità e della pendenza.

 

Le ferite e gli schianti parziali causati dai massi in caduta ma trattenuti dalle piante bastano ad assicurare il rinnovo naturale del soprassuolo

Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 11:02

La malga Albi di Garniga era stata ristrutturata nel 2007. Sul posto i Corpi dei Vigili del fuoco volontari di Garniga, Romagnano, Ravina, Mattarello e Aldeno oltre ai Permanenti di Trento

17 gennaio - 06:01

E' partito il primo gennaio e la Pat lo ha definito "una svolta per le politiche sociali per il contrasto alla povertà". Ma non a tutti è andata bene. Giusppe Adinolfi ci racconta la sua storia: "Abbiamo fatto i conti e mi spettano 744 euro all'anno. Con il Progettone riprenderei a lavorare ad aprile. Come faccio?"

17 gennaio - 10:18

L'azienda era nata negli anni Trenta e la famiglia si era trasferita dalla Sicilia. Ora si passa alla terza generazione, alla guida della Distilleria Alpina andrà il figlio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato