Contenuto sponsorizzato

Il bosco trattiene i massi che scendono da Monte Celva e salvano la ferrovia della Valsugana

A trattenere i massi è il bosco ceduo che ricopre la montagna fin quasi alla cima situata a 1.080 metri. E' dimostrato, anche attraverso simulazioni software, nella tesi di laurea del trentino Tommaso Caldonazzi
Dal blog di Sergio Ferrari - 02 gennaio 2018 - 20:01

Negli ultimi 50 anni i sassi che rotolano dalle pendici del monte Celva non sono mai caduti sulla ferrovia della Valsugana che collega Trento con Bassano del Grappa passando da Villazzano, Roncogno e Pergine.

 

A trattenere i massi più o meno grossi e pesanti che pure si trovano lungo il pendio che sovrasta il torrente Fersina è stato il bosco ceduo che ricopre la montagna fin quasi alla cima situata a 1.080 metri.

 

Lo dimostra la tesi di laurea in Scienze forestali e ambientali presentata da Tommaso Caldonazzi a conclusione del corso di studi di durata quinquennale all’Università di Padova.

 

A questa conclusione il giovane laureando di Civezzano è giunto attraverso ripetuti rilievi diretti all’interno di un’area delimitata del monte Celva e di una serie di simulazioni a tavolino affidate a uno speciale software.

 

Il bosco ceduo esercita una funzione di barriera naturale anche se non è fatto oggetto di interventi selvicolturali da parte dell’uomo a causa della scarsa accessibilità e della pendenza.

 

Le ferite e gli schianti parziali causati dai massi in caduta ma trattenuti dalle piante bastano ad assicurare il rinnovo naturale del soprassuolo

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.17 del 16 Giugno
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 giugno - 18:41

Lo ha deciso la Corte d'Appello della Corte dei Conti che per la prima volta riconosce il danno erariale causato dall'abbattimento di migliaia di animali. L'ex presidente della Provincia e il suo dirigente sono finiti nei guai per un centinaio di decreti che consentivano ai cacciatori di sparare. La Lav: "Speriamo che la Provincia di Trento e Bolzano ora non compiano lo stesso errore con lupi e orsi"

18 giugno - 12:32

Trovati all'interno dell'abitacolo di un camion 10 panetti di droga per un totale di 11 chili dal valore approssimativo di 800 mila euro al dettaglio. L'autista, di origini campane, fermato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio con l'aggravante della transnazionalità

18 giugno - 12:45

Tre amici stavano affrontando la via normale sulla Grande delle Tre Cime quando hanno perso l'orientamento. Accortisi dello sbaglio hanno provato a scendere ma l'appiglio si è staccato e un uomo è precipitato per oltre 100 metri nel vuoto

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato