Contenuto sponsorizzato

Cosa accadrebbe in Trentino se non ci fosse la cooperazione? Aumenterebbero i disoccupati del 15% e crollerebbe il Pil

La cooperazione non ha sentito la crisi. L’occupazione, in questo settore, è aumentata del 35,6%. I dati arrivano da Euricse e da uno studio realizzato da Carlo Borzaga, Chiara Carini e Eddi Fontanari

Pubblicato il - 15 maggio 2018 - 18:21

TRENTO. Se d’improvviso tutte le cooperative chiudessero i battenti e non fossero sostituite da altre imprese il Trentino perderebbe 13,3 punti percentuali di prodotto lordo e quasi un sesto degli occupati. Crisi nel sistema produttivo trentino? In quello della cooperazione non sembra proprio ma anzi negli anni è diventato sempre più protagonista dell'economia locale .

 

I dati arrivano da uno studio di Euricse e realizzato da Carlo Borzaga, Chiara Carini e Eddi Fontanari. Dal 2008 al 2015 l’occupazione nelle imprese cooperative è aumentata del 35,6% rispetto alle imprese di capitali (spa + srl), dove è calata del 6,3%.

 

La ricerca confronta i dati delle cooperative trentine con quelli nazionali e con quelli della vicina provincia di Bolzano rivelando qualche sorpresa: se anche in provincia di Bolzano la cooperazione presenta una significativa crescita dell’occupazione, a fare la differenza con la provincia di Trento è soprattutto il diverso andamento dell’occupazione nelle imprese di capitali: con una riduzione di oltre il 6% in Trentino e un +15% in Alto Adige. Non è quindi alla cooperazione che vanno attribuiti i problemi occupazionali che hanno interessato la nostra regione.

 

Considerando sempre il periodo tra il 2008 e il 2015, il tasso di crescita del valore aggiunto generato dalle cooperative è stato pari al 26,3% (considerando le società che hanno depositato i bilanci in tutti gli anni considerati), contro il 17,9% delle spa e il 15,2% delle srl.

 

Sempre secondo questo studio, emerge anche chiaramente la rilevanza della cooperazione in tre settori fondamentali dell’economia provinciale: l’agricoltura e l’industria alimentare, l’intermediazione monetaria e il commercio.

 

Nelle studio vengono prese in esame le banche dati pubbliche a partire da quelle della Camera di commercio. Nel periodo considerato (2008-2015), le cooperative operanti in provincia di cui sono disponibili i bilanci sono passate da 493 a 505, le spa sono rimaste a 269 (dopo essere salite a 275 nel 2013), mentre le srl sono cresciute con continuità da 4.856 a 5.891.

 

“La cooperazione trentina è tutt’altro che un settore in crisi o in via di ridimensionamento – conclude il professor Carlo Borzaga, presidente di Euricse –. Il suo peso risulta decisamente rilevante, in generale e nel confronto con le altre forme di impresa, a livello sia economico-occupazionale che nella formazione dell’offerta di servizi sociali, educativi e sanitari. Ponendosi di fatto ‘a cavallo’ tra settore pubblico e settore privato”.

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 maggio 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 maggio - 06:01

L'amministrazione trentina segue le orme di Corvara. Finazzer: "Gli assessori delle Province di Trento e Bolzano, che non sono mai venuti sui passi, forse si intendono più di noi di turismo, quando i ladini per conoscenza e competenza dovrebbero potersi occupare del territorio"

20 maggio - 16:00

L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno all'altezza di Vigolo Baselga. Il ferito trasportato in codice rosso al Santa Chiara

19 maggio - 16:34

L'obiettivo è stato quello di promuovere i legami esistenti tra la filiera vinicola e quella turistica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato