Contenuto sponsorizzato
Ancora maltempo in Trentino, altri allagamenti, smottamenti e caduta alberi

Altra 'chiamata alle armi' per i vigili del fuoco nei diversi territori e per le forze dell'ordine. A Lavis il sottopasso della strada provinciale 235 finisce sott'acqua due volte in poche ore

Lavis, allagamento sottopasso sp235
Di Luca Andreazza - 10 agosto 2017 - 19:56

TRENTO. Altra ondata di maltempo e altri danni in diverse parti del Trentino tra grandine, allagamenti, caduta alberi e smottamenti. I pompieri di San Lorenzo Banale e la polizia delle Giudicarie sono dovuti intervenire lungo la strada statale 421 per la caduta di alcuni alberi, invece verso il lago lungo la statale 45 si registra uno smottamento. Particolarmente colpite le zone di Campiglio, Ton e Spormaggiore.

Tra la notte scorsa e questo pomeriggio tantissima attività anche per i vigili del fuoco volontari di Lavis. Dall'allagamento del sottopasso della Strada provinciale 235 (due volte in poche ore) alla sede degli Alpini per finire con piazzale palazzo Maffei gli interventi più impegnativi.

Sempre a Lavis le forti raffiche di vento hanno divelto nella serata di ieri la recinzione della piscina.

Un bilancio che aggrava i danni, dopo il nubifragio di domenica scorsa che ha messo in ginocchio buona parte del Trentino, (Qui articolo) ieri è arrivata la grandine che ha colpito molte zone della provincia, danneggiando meleti e vigneti. Ma oltre alla grandine è caduta tanta acqua (Qui articolo) che in alcune zone ha provocato smottamenti, mentre in val di Fiemme sono state evacuate 40 persone (Qui articolo).

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 agosto - 17:54

Tra Ghost town, villaggi indiani e la Monument valley, ma anche temperature altissime e tempeste di sabbia, il trentino ha raggiunto la terra di confine a nord-ovest del continente americano: "In Alaska ci sono solo tre stagioni: luglio, agosto e l'inverno. Qui nevica già"

20 agosto - 06:13

Le denunce di infortuni colpiscono soprattutto  i settori terziario e agricoltura. Per la Cgil e la Cisl  "Incremento legato alla crescita economica" mentre per la Uil "Caduta di attenzione sulla sicurezza nei posti di lavoro"

20 agosto - 17:17

L'uomo, un 43enne bulgaro, è stato colto da un malore. Si trovava sulla Marmolada a quota 3.200 poco dopo la ferrata di Punta Penia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato