Contenuto sponsorizzato
E' trentina la più bella. Incoronata Miss Italia Alice Rachele Arlanch di Vallarsa

Ha 21 anni, studia giurisprudenza e vuole fare l'avvocata. Il suo modello è Angelina Jolie, una donna impegnata con le Nazioni Unite nella difesa dei diritti delle minoranze e dei profughi e rifugiati

Pubblicato il - 10 settembre 2017 - 08:32

TRENTO. Dopo 11 anni dalla vittoria di Claudia Andreatti, Alice Rachele Arlanch riporta la fascia di Miss Italia nelle valli tentine. E' ovviamente bella, ha 21 anni, capelli lunghi e castano chiari, è un metro e 78 di altezza.

 

Durante la gara aveva il numero 7, quello che è stato scelto dalla giuria e urlato dal conduttore Francesco Facchinetti prima del rito dell'abbraccio di tutte le altre concorrenti e delle lacrime. Ha battuto, nella finalissima, la numero 28 Samira Lui e la 29 Laura Coden.

 

Alice  Rachele è di Vallarsa dove abita con i genitori, mentre studia a Trento alla Facoltà di Giurisprudenza. "Da grande", ha spiegato durante la finale, vorrebbe fare l'avvocata occupandosi nello specifico di diritto internazionale e diminoranze.

 

La mamma di Alice Rachele, chiedendo dal palco il voto per la figlia concorrente ha detto: "Votate per lei perché veniamo da una terra così piccola ma così bella". Frase ripetuta anche in tedesco per assicurarsi anche i voti altoatesini.

 

"Vengo da una valle trentina - ha detto poco prima dell'incoronazine- il mio paesino è di soli 14 abitanti". Dopo l'annuncio della vincitrice l'abbraccio, i lustrini e la festa.

Alice Rachele Arlanch è Miss Italia 2017. La ventunenne nata a Rovereto e residente a Vallarsa, era arrivata a Jesolo con la fascia di Miss Trentino Alto Adige. È stata eletta al termine della lunga diretta televisiva dal Pala Arrex di Jesolo, condotta da Francesco Facchinetti su La7.

Alta 1,78, occhi verdi e capelli castani, Alice Rachele è diplomata al liceo classico, studia giurisprudenza all’Università di Trento, con indirizzo diritto internazionale e transeuropeo e sogna di diventare una brava avvocata “impegnata - dice - a garantire l’uguaglianza sociale e la tutela dei diritti delle minoranze”.

Alice Rachele viene da una piccola frazione del Comune di Vallarsa, Anghebeni, che conta 14 abitanti, dei quali lei - assieme al fratello minore Andrea - è la più piccola “e anche la più bella”, confessa ridendo.  

Fidanzata con Andrea, si ispira ad Angelina Jolie, una donna impegnata con le Nazioni Unite nella difesa dei diritti delle minoranze e dei profughi e rifugiati, famosa per aver intrapreso numerose missioni umanitarie nei paesi più poveri del mondo. 

“Per me la bellezza non è un fattore esclusivamente esteriore, contano le doti caratteriali e di spirito, ma anche l’intelligenza e la cultura. Io voglio rappresentare questo modello femminile per sfatare lo stereotipo secondo il quale la donna bella sarebbe priva di sostanza”.

“Inizialmente avevo paura di espormi, ma ho deciso di accettare la sfida e di mettermi in gioco fino in fondo, per superare i miei limiti e acquisire una maggiore sicurezza. Uno degli aspetti che maggiormente mi caratterizza è la sensibilità nei confronti delle persone meno fortunate. Inoltre, sono molto competitiva e ciò mi aiuta a raggiungere i miei obiettivi”.

Con Alice Rachele il Trentino conquista il titolo per la seconda volta nella storia del Concorso, dopo la vittoria di Claudia Andreatti nel 2006.

Le regioni che hanno collezionato il maggior numero di Miss Italia sono la Sicilia, con ben 11 vincitrici,  il Lazio e la Lombardia con 10, il Veneto con 6, il Friuli e la Calabria con 5, il Piemonte e la Toscana con 4 a testa, Campagna e Marche con 3, Emilia Romagna, Liguria, Sardegna e Umbria con 2, Puglia e Abruzzo con una sola miss. 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.45 del 24 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Guarda le edizioni precedenti
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:17

Presentati i dati del fenomeno: "Nel 2016 le denunce sono state 532, gli ammonimenti 235, sono in tutto 764 i procedimenti che comprendono i reati di percosse, lesioni dolose, atti persecutori, stalking. Cinque donne ogni mille, ogni giorno 2 casi, 64 ogni mese

 

24 novembre - 10:02

Decisivo il voto della Lega Nord. Il nuovo centro risponde all'identikit tracciato dal progetto di Cassa del Trentino, ma resta ancora aperta la partita relativa alle altre piscine cittadine

24 novembre - 17:08

Il traffico è stato deviato dalla statale 47 alla provinciale 1, dove però all'altezza del ristorante Happy Days ci sono lavori. A questo si aggiungono i cantieri a San Cristoforo e Maines: viabilità in tilt

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato